Search
Close this search box.

Chi canta prega due volte

Quante volte ci è capitato di entrare in chiesa e prendere parte ad una celebrazione eucaristica cantata? E per cantata non intendo la presenza di un coro, di un organo o di altri strumenti, ma solo le voci di qualche signore che intonano insieme i canti.

“… e NOI, uniti agli Angeli e agli Arcangeli, ai Troni e alle Dominazioni e alla moltitudine dei Cori celesti, cantiamo con voce incessante l’inno della tua gloria…”

Quante volte ci è capitato di entrare in chiesa e prendere parte ad una celebrazione eucaristica cantata?

E per cantata non intendo la presenza di un coro, di un organo o di altri strumenti, ma solo le voci di qualche signore che intonano insieme i canti. Questo è il punto cardine su cui voglio fondare la riflessione odierna.

Cantare, soprattutto nelle celebrazioni, è una preghiera vera e propria, anzi, esalta ancora di più la preghiera!

Quante volte ci capita di cantare l’Alleluia con la solita “melodia” gregoriana: eppure questa melodia esalta il testo.

Quante volte sentiamo intonare dei canti durante momenti di spostamento del celebrante come l’offertorio e la comunione: eppure questi non sono canti che servono a “rompere il silenzio” ma sono canti che esistono addirittura dal medioevo chiamati come “canti processionali”.

Una bella celebrazione allietata dalla presenza della musica, aiuta nella preghiera, e rende la celebrazione ancora più “piena” è vicina a Dio. È proprio il prefazio che ci ricorda, ad ogni celebrazione, che noi, uniti agli Angeli e ai Santi, cantiamo l’inno della lode a Dio.

Chi canta prega due volte

Dobbiamo però sempre prestare attenzione quando cantiamo in chiesa: bisogna sempre ricordarsi che la musica all’interno delle celebrazioni è musica funzionale alla liturgia: bisogna stare attenti al testo che cantiamo, alla coerenza, al periodo dell’anno, e non sempre tutto ciò è scontato. Spesso sentiamo testi cambiati, musica tutt’altro che riflessiva, brani organistici non coerenti con la celebrazione, e questo, ovviamente, non va bene liturgicamente.

Il mio consiglio è uno solo:

Non è la difficoltà di un canto a rendere bella la celebrazione e non è l’organo che suona più forte a fare la celebrazione più solenne: basterebbe prendere dei canti adatti alla celebrazione, magari riflettendo prima sulla scelta e cantare come se stessimo pregando.

Il mio invito è… pregate e cantate!

In chiesa, NOI, cantiamo la preghiera e la lode di Dio!

Tag

TEMPLUM DOMINI

Leggi la nostra rivista telematica
Templum Domini

CANALE WHATSAPP

Iscriviti al nostro canale Whatsapp
per contenuti esclusivi

LEGGI ANCHE ...

Sacro e profano, insomma, si stanno fin troppo confondendo. A questo punto occorre chiedersi: qual è il confine tra arte
La riforma liturgica ha portato anche al ritaglio dei brani biblici nella liturgia: passi scomodi dei salmi sono stati espunti.
Il giorno della resa dei conti è arrivato. Con il Motu Proprio Traditionis Custodes, pubblicato venerdì, papa Francesco demolisce la

TEMPLUM DOMINI

Leggi la nostra rivista telematica
Templum Domini

CANALE WHATSAPP

Iscriviti al nostro canale Whatsapp per contenuti esclusivi

error: Questo contenuto è protetto!