Decreto di Scomunica del S.Uffizio ai danni di chi professa la dottrina del marxismo e del comunismo

Decreto di Scomunica del S.Uffizio ai danni di chi professa la dottrina del marxismo e del comunismo

Testo integrale del Decretum del S.Uffizio in data 1/07/1949. Scomunica ai comunisti.
Testo integrale del Decretum del S.Uffizio in data 1/07/1949. Scomunica ai comunisti.

Abbiamo pubblicato, con una copia digitale del testo originale, il Decreto del S.Uffizio in data 1 Luglio 1949, voluto e approvato dal Papa Pio XII, per la scomunica di chi professi la dottrina del comunismo e del marxismo. Questo documento decreta ufficialmente che il comunismo e il cattolicesimo sono incompatibili. Sotto questo documento, si potrebbe articolare una giustificazione del decreto con ragioni teologiche e dottrinali inconfutabili, che non esponiamo per eccessiva lunghezza di trattazione.

Non essendo stato mai abrogato e annullato ufficialmente, il Decreto è in vigore. Chi professa le dottrine del comunismo, è ipso facto scomunicato.

In basso troverete il link con il PDF del documento.

Ecclesia Dei

Iscriviti alla nostra newsletter!

Riceverai tutti gli aggiornamenti del nostro sito web, oltre alla possibilità di avere la nostra rivista “Templum Domini” in formato scaricabile e stampabile, e tanti altri contenuti esclusivi!

Leggi anche questi articoli

L’Immacolata Concezione e il messaggio di Lourdes

L’8 Dicembre del 1854, il beato Papa Pio IX, dopo lunghi secoli di attese e a seguito di intense consultazioni con l’episcopato di tutto il mondo, promulgò nella bolla Ineffabilis Deus quello che allora era il terzo dogma mariano: l’Immacolata Concezione.

L’apostasia dell’Anticristo – I

Or ecco che in mezzo al nostro secolo, profondamente turbato, sia dalle ribellioni della ragione umana contro la Fede, sia dagli assalti incessanti contro la Chiesa, sia finalmente dai provvedimenti molteplici e perfidi contro il cristianesimo degli individui.

“Siediti, cuore mio”

L’esperienza ci insegna infatti che un’amicizia è veramente profonda solo quando è possibile rimanere in silenzio con l’altro. Finché si ha bisogno di parlare per mantenere il contatto, vuol dire che il rapporto è ancora superficiale. Così avviene nel rapporto col Signore: la nostra preghiera è approdata alla maturità quando abbiamo imparato a sentirci bene accanto a Lui, in silenzio.

error: Questo contenuto è protetto!