Search
Close this search box.

I 7 vizi capitali: l’impurità

L'impurità è un amore disordinato dei piaceri sessuali. Come Dio ha unito il piacere al mangiare e al bere, per la conservazione della vita individuale, così ha unito un più grande piacere alla sessualità.

Fulton J. Sheen, da “Amatevi gli uni gli altri”

[page_title] 

L'impurità è un amore disordinato dei piaceri sessuali. Come Dio ha unito il piacere al mangiare e al bere, per la conservazione della vita individuale, così ha unito un più grande piacere alla sessualità.

L’impurità è un amore disordinato dei piaceri sessuali. Come Dio ha unito il piacere al mangiare e al bere, per la conservazione della vita individuale, così ha unito un più grande piacere alla sessualità, per la conservazione della vita sociale e del Regno di Dio sulla terra.

Il piacere sessuale diventa peccaminoso, quando è usato come un fine esclusivo anziché come un mezzo. Per questa ragione, l’impurità è l’indisciplina dell’amore; è l’amore pervertito. Esso ha di mira non il bene degli altri; ma il piacere di se stesso. In certo modo l’amore pervertito spezza il bicchiere per rubare il vino e spezza la lira per rubare la musica.

Ho acconsentito a pensieri impuri? Se è male commettere certe azioni, mi sono trattenuto in esse col pensiero?

Tremende parole del Maestro: «Chiunque guarderà una donna con sentimento impuro, nel suo cuore ha già commesso adulterio con essa». (S. Matteo, 5, 28).

Ho incoraggiato altri a peccare, mediante pensieri, parole, azioni? Ho violato la purezza col pensiero, colle parole o con le opere? Mi sono sforzato di coltivare un amore più alto, per sublimare l’amore più basso?

L’onestà sessuale è un peso soltanto per coloro che hanno perduto il senso dei diritti altrui. Tremende parole del Maestro : «Chi fa il peccato è schiavo del peccato». (S. Giovanni, 8, 34).

Luminose parole del Maestro: «Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio ». (S. Matteo, 5 8). Luminose parole di S. Paolo: «Non sapete voi che siete il tempio di Dio e che lo spirito di Dio abita in voi ». (I Ai Corinti, 3, 16). «Per i puri tutte le cose sono pure ; ma per gli impuri e per gli infedeli niente è puro, perché la loro mente e la loro coscienza è corrotta ». (A. Tito, 1, 15). «Vi scongiuro, o fratelli, per la misericordia di Dio affinché offriate i vostri corpi come un vivente sacrificio, santo, gradito a Dio, spirituale adorazione ». (Ai Romani, 12, 1).

Luminoso pensiero di San Pietro! «Carissimi, vi scongiuro di comportarvi come stranieri e pellegrini col trattenere voi stessi dai desideri carnali che fanno guerra contro l’anima». (Prima S. Pietro, 2, 11).

I 7 vizi capitali: l’impurità

Tag

TEMPLUM DOMINI

Leggi la nostra rivista telematica
Templum Domini

CANALE WHATSAPP

Iscriviti al nostro canale Whatsapp
per contenuti esclusivi

LEGGI ANCHE ...

Ma sia questa la ragione o un'altra, è certamente evidente l'impossibilità che si apprenda il male perché l'apprendimento è un
Quali sono le differenze tra il rito ambrosiano e il rito romano? Eccovi spiegate alcune differenze.
Santa Giacinta Marto, nacque ad Aljustrel (Portogallo) l’11 marzo 1910. La piccola aveva solo 7 anni quando, il 13 maggio
Breve Esame Critico del Novus Ordo Missæ

TEMPLUM DOMINI

Leggi la nostra rivista telematica
Templum Domini

CANALE WHATSAPP

Iscriviti al nostro canale Whatsapp per contenuti esclusivi

error: Questo contenuto è protetto!