I 7 vizi capitali: l’invidia

I 7 vizi capitali: l’invidia

L'invidia è sentirsi scontenti del bene altrui; è un desiderare l'abbassamento del bene altrui, come se fosse un affronto alla nostra superiorità.
L'invidia è sentirsi scontenti del bene altrui; è un desiderare l'abbassamento del bene altrui, come se fosse un affronto alla nostra superiorità.

Fulton J. Sheen, da “Amatevi gli uni gli altri”

[page_title] 

L'invidia è sentirsi scontenti del bene altrui; è un desiderare l'abbassamento del bene altrui, come se fosse un affronto alla nostra superiorità.

L’invidia è sentirsi scontenti del bene altrui; è un desiderare l’abbassamento del bene altrui, come se fosse un affronto alla nostra superiorità. Ho io manifestato invidia con l’abbassare gli altri, mediante piccoli accenni, mezze verità, ricerca di difetti, attribuzioni di falsi motivi? Mi sono rallegrato per sfortune altrui? Mi sono sforzato di curare la gelosia con il pregare per coloro dei quali sono geloso? Perché non ho considerato le belle qualità del prossimo come occasione d’imitazione anziché d’invidia, aumentando in tal modo il benessere dell’umanità e la gloria di Dio? Udite S. Paolo : «Se voi vi morderete e vi divorate l’un l’altro, state in guardia di non consumarvi l’un l’altro». (Galati, 5, 15).

La mia simpatia per i poveri è ispirata dall’amore per essi o non piuttosto dall’odio per i ricchi?

Yousuf-Karsh-Bishop-Fulton-Sheen-01
© Yousuf Karsh
Iscriviti alla nostra newsletter!

Riceverai tutti gli aggiornamenti del nostro sito web, oltre alla possibilità di avere la nostra rivista “Templum Domini” in formato scaricabile e stampabile, e tanti altri contenuti esclusivi!

Leggi anche questi articoli

La Consacrazione a Maria: valore ed importanza

La vera devozione alla Santa Vergine è la «via facile, breve, perfetta e sicura per giungere all’unione con Gesù Cristo Signore, nella quale consiste la perfezione cristiana». La consacrazione a Maria ne è il culmine e il trionfo, quanto mai necessaria per i nostri tempi.

La porta stretta

Gesù annuncia il Regno di Dio e ci mette in guardia, ci ammonisce, ci esorta a fare attenzione perché il Paradiso non è garantito a chiunque, ma è frutto di una vita condotta santamente; una vita al servizio di Dio e del prossimo, basata sull’ascolto e sulla messa in pratica del Vangelo.

L’amico del conte Orioff

Nel nostro secolo, tre fatti dello stesso genere, uno più autentico dell’altro, sono pervenuti a mia conoscenza. Il primo si è verificato quasi nella mia famiglia, in Russia, a Mosca, poco tempo prima della orribile campagna del 1812.

error: Questo contenuto è protetto!