“Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.”

“Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.”

di Luca Niutta

Dicevano i Padri della Chiesa: “Extra Ecclesiam nulla salus” proprio perché il Signore essendosi rivelato e avendo fondato la Chiesa su Pietro ha dato il comando che tutti i popoli entrino nella Chiesa, ma ha pure decretato che la Chiesa è un mezzo di salvezza, senza del quale nessuno può entrare nel regno della eterna gloria.
Vediamo che oggi la Chiesa sembra oramai credere che tutte le religioni siano uguali, dimenticandosi quello che per tutti i secoli ha trasmesso, insegnando invece che tutti insieme possiamo pregare per chiedere a Dio (quale Dio, o Dio è uno, o se sono molti allora vuol dire che abbiamo problemi di Fede) la fine della pandemia o trovare un vaccino! Ma questo non è possibile! Questo equivale a rinnegare Cristo e rinnegare il Suo sacrificio sulla Croce! Questo vuol dire che noi consideriamo il Signore come uno dei tanti possibili, e non quindi l’unico e vero Dio! Ma allora, scusate… cosa crediamo a fare?!

Stamattina il santo Padre ha espresso che alcuni, come me, non avrebbero capito questo relativismo religioso, ma non si può dialogare rinunciando alla Verità della Fede! Però egli ha aggiunto una cosa alquanto importante, che dobbiamo assolutamente ribadire e dobbiamo ringraziare il Santo padre per avercelo ricordato: “ fratelli, facendo digiuno, chiedendo perdono a Dio per i nostri peccati, perché il Signore abbia misericordia di noi, perché il Signore ci perdoni, perché il Signore fermi questa pandemia”. È errato, a parer mio, condannare in toto il Santo Padre, ma è giusto ribadire la verità, così come Paolo corresse Pietro, per amore fraterno, per carità.
Tutti noi Cattolici, (laici, Sacerdoti, Vescovi e il Papa stesso) stiamo tradendo il comando del Salvatore! Lui ci dice: “Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato.” (Mc 16, 15-16)… Oggi invece, la Fede viene considerata qualcosa di privato, nascosto, da non far conoscere! Ma no, non va bene! I Santi ci raccontano che bisogna gridare a tutti la propria Fede… suor Costanza Morelli, una delle consorelle di Santa Maria Maddalena de’ Pazzi scrive: “In tempo di sua vita ebbe spesso di simili eccessi e andava per il convento esclamando: ‘Amore, Amore, Amore, non amato né conosciuto! Ella incitava le anime che venissero ad amar Gesù. Incontrando le monache le prendeva per mano, e non si zittiva finché non le dicevano di voler amare questo Signore e talvolta, prendendo le fune delle campane, suonava a fuoco d’amore, chiamando le anime ad amare Dio. E a vederla in tali eccessi, accendeva a questo amore”.

Oggi, in vista della fraternità, del dialogo, della pace stiamo tradendo lo stesso fondamento della nostra Fede, ma sappiamo bene, o almeno dovremmo sapere, che noi non siamo del mondo, e quando riceviamo i consensi del mondo siamo sicuramente sulla strada sbagliata!
Insegna il catechismo: “«Io sono il Signore, tuo Dio, che ti ho fatto uscire dal paese d’Egitto, dalla condizione di schiavitù: non avrai altri dei di fronte a me. Non ti farai idolo né immagine alcuna di ciò che è lassù nel cielo, né di ciò che è quaggiù sulla terra, né di ciò che è nelle acque sotto la terra. Non ti prostrerai davanti a loro e non li servirai » (Es 20,2-5). Sta scritto infatti: «Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto» (Mt 4,10). “ (parte III, sezione II, capitolo I, articolo 1) e noi, vogliamo tradire il catechismo? Vogliamo tradire la nostra Fede? Ma questo, questo non è possibile! Cristo ha dato la Sua vita per noi, perché è Lui unico vero Dio, uno e trino Signore, unico che dobbiamo adorare con tutto il nostro cuore e tutta la nostra anima!
Gesù è chiaro: “Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde.” (Mt 12, 30) e noi… vogliamo essere con Dio o contro di Lui? Accettare la Sua Salvezza o rifiutarla?

Potremmo dire che Monsignor Lefebvre era stato profetico scrivendo questo: “Con quale Chiesa abbiamo a che fare? Si ha a che fare con la Chiesa cattolica o si ha a che fare con un’altra Chiesa, con una Contro-Chiesa, con una contraffazione della Chiesa? Ora, io credo sinceramente che noi abbiamo a che fare con una contraffazione della Chiesa e non con la Chiesa cattolica. Essi non insegnano più la fede cattolica. Essi insegnano altro, essi conducono la Chiesa in qualcos’altro che la Chiesa cattolica. Non è più la Chiesa cattolica. Essi sono assisi sulla sede dei loro predecessori… ma non continuano i loro predecessori. Essi non hanno più la stessa fede, né la stessa dottrina, né la stessa morale dei loro predecessori. Allora, non è più possibile. E principalmente, il loro grande errore è l’ecumenismo. Essi insegnano un ecumenismo che è contrario alla fede cattolica. […] La Chiesa è occupata da questa Contro-Chiesa che noi conosciamo bene e che i papi conoscevano perfettamente e che hanno condannato nel corso dei secoli: da quattro secoli la Chiesa non ha cessato di condannare questa Contro-Chiesa che è nata soprattutto col protestantesimo, che si è sviluppata col protestantesimo e che è all’origine di tutti gli errori moderni, che ha distrutto ogni filosofia e che ci ha condotto a tutti gli errori che conosciamo e che i papi hanno condannato: liberalismo, socialismo, comunismo, modernismo, sillonismo. Ne moriamo. I papi hanno fatto di tutto per condannare tutto questo, ed ecco che oggi coloro che siedono nei posti di quelli che li hanno condannati, sono d’accordo con questo liberalismo e con questo ecumenismo. Questo non si può accettare. E più le cose si chiariscono più ci accorgiamo che questo programma, […] tutti questi errori sono stati elaborati nelle logge massoniche.”

Vi auguro una Santa giornata, certamente, se vorrete digiunare fatelo! Ma per il perdono dei nostri innumerevoli peccati e per l’esaltazione della nostra Santa Fede, la fede cattolica, unico strumento di salvezza.
Sia Lodato Gesù Cristo.

14. V. 2020
Elevatio Corporum SS. Ambrosii, Protasii et Gervasii

Ecclesia Dei

Iscriviti alla nostra newsletter!

Riceverai tutti gli aggiornamenti del nostro sito web, oltre alla possibilità di avere la nostra rivista “Templum Domini” in formato scaricabile e stampabile, e tanti altri contenuti esclusivi!

Leggi anche questi articoli

Legare e sciogliere

Cosa intende Gesù con questi termini, relativamente ai poteri conferiti agli apostoli e alla Chiesa?

Per trenta denari

Il presidente Biden, che nominalmente si presenta come “cattolico”, ha appoggiato, sopratutto in pubblico, pratiche anticattoliche e sataniche, tra cui figura quell’orrendo crimine dell’aborto.

Gesù patisce per mostrarci la sua carità

L’amore di carità soprannaturale diretto alle sue creature, è ciò che spinge Gesù Cristo a patire tutto, fino a quando tutto è compiuto, anche se Iddio ben già aveva dimostrato il suo amore all’uomo con tanti benefici a lui dispensati.

error: Questo contenuto è protetto!