La Chiesa, gregge e pastori

La Chiesa, gregge e pastori

La Chiesa è costituita da un delicato equilibrio tra due componenti, i chierici e i laici. È grazie a questa divisione che la Chiesa sussiste e, ove questo equilibrio viene danneggiato, l’ecclesiologia ne patisce danno.

Per chierici si intendono i pastori, coloro che sono resi partecipi del Santo Sacerdozio in forza della loro ordinazione. Il loro compito è quello esercitare i tre munera: munus docendi, munus sanctificandi, munus gubernandi.

I laici sono, invece, i fedeli che costituiscono il popolo di Dio (non a caso, l’espressione deriva dal greco λαός). 

Essendo dato ai chierici l’incarico di governare, si deduce l’importanza di una gerarchia ordinata. Chierici e laici, nella concezione tradizionale, devono essere separati, essendo diversi: ciò è visibile nelle celebrazioni liturgiche, in cui i chierici risiedono nel presbiterio, che è separato dall’aula dei fedeli. Questo è un principio risalente all’età apostolica: tanto in Occidente quanto in Oriente, vigeva questa separazione tramite balaustre, tramezzi, iconostasi, a seconda della Tradizione liturgica presente in un determinato luogo.

L’eliminazione di una delle due componenti è fatale. Una Chiesa senza popolo manca di fedeli da santificare, una Chiesa senza chierici è una “comunità di base” (come andava tanto di moda fare negli anni Settanta) che non può ricevere i Sacramenti.

Vi sono poi due rischi, associati allo scambiarsi i ruoli.

Il primo è quello della laicizzazione dei chierici: preti che vestono da laici, frequentano compagnie mondane sconvenienti e che percepiscono la Liturgia e i Sacramenti come un peso di cui liberarsi appena possibile.

Il secondo, forse più insidioso, è quello della clericalizzazione dei laici: uomini (e donne) che trattano l’altare come una cosa propria, fino ad arrivare a quanto accade in Svizzera, in cui sono dei laici impegnati ministri, figli del Concilio, a fare tutto, a gestire le chiese, a distribuire l’Eucarestia.

Il problema è risolvibile solamente ristabilendo i ruoli: non con preti che credono di avere ragione a prescindere ma in ascolto del popolo di Dio e con laici che sappiano bene cosa loro compete e cosa no.

Preghiamo perché ognuno possa svolgere il proprio ruolo nella Chiesa secondo la propria vocazione.

Ecclesia Dei

Iscriviti alla nostra newsletter!

Riceverai tutti gli aggiornamenti del nostro sito web, oltre alla possibilità di avere la nostra rivista “Templum Domini” in formato scaricabile e stampabile, e tanti altri contenuti esclusivi!

Leggi anche questi articoli

Fiat voluntas tua

Tutta la nostra perfezione consiste nell’amare il nostro amabilissimo Dio: Charitas est vinculum perfectionis. Ma tutta poi la perfezione dell’amore a Dio consiste nell’unire la nostra alla sua santissima volontà.

Letture consigliate I

“Una bella casa senza libri è una bella stalla” In un periodo di galattico analfabetismo religioso, è fondamentale la formazione della persona attraverso gli opportuni mezzi

Andate alla grotta

Maria è questa donna della nostra terra che s’è rimessa interamente a Dio e ha ricevuto da Lui il privilegio di dare la vita umana al suo eterno Figlio. “Sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto” (Lc 1,38). Essa è la bellezza trasfigurata, l’immagine dell’umanità nuova.

error: Questo contenuto è protetto!