La Chiesa sposa di Cristo

La Chiesa sposa di Cristo

Le nozze tra Cristo e la Chiesa sono strettamente legate all'unione corporale delle due realtà.
Le nozze tra Cristo e la Chiesa sono strettamente legate all'unione corporale delle due realtà.

La dottrina che vuole la Chiesa corpo mistico di Cristo è indissolubilmente legata alla dottrina che vuole la Chiesa sposa di Cristo. 

L’idea dell’indissolubilità di questa unione è da ricercare nel significato dei termini che abbiamo utilizzato. Cristo è unito alla Chiesa perché la Chiesa è parte del Cristo, misticamente parlando: da qui, si intende specificare che l’unione tra Cristo e la Chiesa è propriamente definibile come unione matrimoniale, e di questo la S. Scrittura, fonte infallibile di Rivelazione, ne rende amplia testimonianza. 

Secondo San Paolo, il rapporto tra uomo e donna, come descritto nella Genesi, è una vera e propria bozza del rapporto sussistente tra Cristo e la Chiesa. 

I Padri della Chiesa, interpretando la Chiesa come seconda Eva, si muovono nella direzione della teologia paolina. Secondo loro, è solamente con la venuta di Cristo e l’unione alla Chiesa, che si comprende in fondo il significato del rapporto tra Adamo ed Eva. L’uomo è Cristo. La donna è la Chiesa. Così, tra l’epoca della storia umana introdotta e caratterizzata da Adamo e quella introdotta da Cristo esiste un rapporto di continuità. Il matrimonio tra Cristo e la Chiesa, infatti, è la realizzazione del matrimonio istituito nel Paradiso tra Adamo ed Eva, la cui condizione è stata irreversibilmente alterata dal peccato. Curioso sottolineare come, primo tra tutti, a parlare frequentemente di questa analogia tra Chiesa e seconda Eva fu S. Agostino, considerato un vero caposaldo anche della teologia sacramentale del matrimonio.

Con il sacrificio sulla croce, che di fatto costituisce il soggetto formale della redenzione oggettiva, Cristo dona la propria vita per la Chiesa. E la Chiesa riceve in cambio l’accesso alla vita di grazia divina. Si stabilisce quindi un rapporto anima-anima tra i due soggetti. Nella risurrezione e ascensione, questa vita è divenuta visibile in lui stesso e con la missione dello Spirito Santo l’ha immessa nella Chiesa, stabilendo anche un rapporto con i membri che la costituiscono, in anima e corpo. Analogicamente, abbiamo visto come sia facile pensare alla associazione tra Cristo e Chiesa come un’unione indissolubile ricalcante quella sacramentale tra uomo e donna nel matrimonio, ma in realtà il valore di questa unione supera di gran lunga quello del Sacramento. Infatti, Cristo tra a sé la Chiesa con una intensità che trascende tutte le possibilità umane: intensità impossibile nel matrimonio, anche se idealmente onsiderata come modello a cui conformarsi.

Come sposa, la Chiesa partecipa alla gloria di Cristo, ma questa gloria non è ancora evidente e palese. Essa attende perciò il momento in cui lo sposo la introduca nella casa del Padre, momento che si verificherà con la parusia, dove Cristo tornerà per unire la Chiesa. Chiesa militante, purgante e trionfante, che adesso sono la stessa chiesa dal punto di vista formale ma sono distinte dal punto di vista materiale, torneranno all’unità anche materiale, e saranno unite per sempre, indissolubilmente, a Gesù Cristo. La sposa sarà ornata per il suo sposo. E le nozze eterne dell’Agnello vedranno Cristo e la Chiesa celebrare la propria unione, nella gloria, per tutta l’eternità.

Iscriviti alla nostra newsletter!

Riceverai tutti gli aggiornamenti del nostro sito web, oltre alla possibilità di avere la nostra rivista “Templum Domini” in formato scaricabile e stampabile, e tanti altri contenuti esclusivi!

Leggi anche questi articoli

A Betlem di Giuda

Le vie del Signore sono perfette e spesso Egli nasconde grandi disegni dietro a piccoli avvenimenti. Non si può immaginare, infatti, quanta gloria si procuri a Dio in una data circostanza, con un solo atto di fedeltà alla sua grazia.

L’importanza dell’esame di coscienza

Una piccolissima riflessione sull’esame di coscienza, avendo sempre presente la Sacra Scrittura e il Magistero della Chiesa, il tutto unito al pensiero personale dell’autore sul tema.

error: Questo contenuto è protetto!