Search
Close this search box.

La musica nella celebrazione del Santo Natale

Il versetto iniziale del Gloria, infatti, indica il canto degli angeli a Betlemme e proprio per questo è opportuno che a Natale il Gloria costituisca un “rito” a sé dove il popolo di Dio, attraverso il canto, acclami la nascita di Nostro Signore Gesù.

Proprio a Natale, un’inno antichissimo non inizialmente destinato alla liturgia eucaristica cominciò ad essere accolto nella messa della liturgia: il Gloria. Il versetto iniziale del Gloria, infatti, indica il canto degli angeli a Betlemme e proprio per questo è opportuno che a Natale il Gloria costituisca un “rito” a sé dove il popolo di Dio, attraverso il canto, acclami la nascita di Nostro Signore Gesù.

Sarebbe opportuno anche cantare il Credo dati i vari versi dello stesso dove è presentato l’annuncio della nascita del figlio di Dio:

“Credo in un solo Signore, Gesù Cristo, unigenito Figlio di Dio, nato dal Padre prima di tutti i secoli”
“Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo, e per opera dello Spirito Santo si è incarnato nel seno della Vergine Maria e si è fatto uomo”

La celebrazione del Santo Natale, oltre ai canti del proprio, può essere arricchita con brani organistici tipici del Natale, come per esempio le Pastorali che sono brani dove è presente un ritmo puntato in ottavi e che danno un’idea di solennità ed allegria all’ascoltatore.
Ricordiamo anche l’importanza dell’introito della messa di Natale che è senza dubbio uno dei brani più noti del repertorio gregoriano: Il Puer Natus, di cui il testo ci è stato donato dal profeta Isaia (Isaia 9,6) nel suo libro.
Allego un interessante articolo del maestro Fulvio Rampi riguardante il Puer Natus.

Documento allegato: Fulvio Rampi, il Puer Natus
Ascolto consigliato per la pastorale: Domenico Zipoli, Pastorale per Organo

Tag

TEMPLUM DOMINI

Leggi la nostra rivista telematica
Templum Domini

CANALE WHATSAPP

Iscriviti al nostro canale Whatsapp
per contenuti esclusivi

LEGGI ANCHE ...

San Nunzio Sulprizio, nacque a Pescosansonesco (Pescara) 13 aprile 1817, da un’umile famiglia. Nell’agosto 1820, muore il padre a soli
Come aprire il nostro cuore, rimuovendo ciò che di inutile e dannoso occupa i nostri pensieri, ci porta a fare
“Il mondo vuole eliminare Dio tanto quanto la sofferenza. Ma non può esserci amore se non c’è dolore” La sofferenza
«Sono credente, ma non praticante», «credo in Dio, ma non nella Chiesa», «credo in Dio, ma mi confesso direttamente con

TEMPLUM DOMINI

Leggi la nostra rivista telematica
Templum Domini

CANALE WHATSAPP

Iscriviti al nostro canale Whatsapp per contenuti esclusivi

error: Questo contenuto è protetto!