La potenza del Santo Rosario

La potenza del Santo Rosario

Quello che ha di particolare la preghiera del Rosario è senza nessun dubbio la semplicità, bellezza e perfezione. San Paolo ci insegna (Rm 10,9): “se confesserai con la tua bocca che Gesù è il Signore, e crederai con il tuo cuore che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvo”.
Quello che ha di particolare la preghiera del Rosario è senza nessun dubbio la semplicità, bellezza e perfezione. San Paolo ci insegna (Rm 10,9): “se confesserai con la tua bocca che Gesù è il Signore, e crederai con il tuo cuore che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvo”.

[page_title] 

Quello che ha di particolare la preghiera del Rosario è senza nessun dubbio la semplicità, bellezza e perfezione. San Paolo ci insegna (Rm 10,9): “se confesserai con la tua bocca che Gesù è il Signore, e crederai con il tuo cuore che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvo”.

potererosario_articoli

Il mese di maggio è il mese della Madonna per eccellenza, sappiamo che la preghiera del Santo Rosario è la preghiera prediletta di Maria che attraverso 5 Padre Nostro e 50 Ave Maria ascolta il cuore dei suoi figli, per consolarli ed aiutarli nel cammino di santità. Anche a Fatima la Madonna aveva raccomandato ai tre pastorelli, Lucia, Francesco e Giacinta, la recita del Santo Rosario per la salvezza del mondo intero. In tutte le apparizioni di Fatima la Madonna ha sempre raccomandato la recita del rosario ma in particolare, in una delle apparizioni, addirittura disse a Francesco che sarebbe andato in paradiso solo se avesse pregato tanti rosari.

La Madonna a Fatima si è presentata come “Regina del santo rosario” e questo prima che avvenisse il miracolo del sole a Fatima. Ecco perché Fatima e il rosario sono due realtà molto legate. Il Santo Rosario è considerato una preghiera potente rispetto ad altre preghiere

Ci sono stati e ci sono tuttora enormi miracoli a favore dei popoli e dei singoli che lo pregano. Austria scappò nel dopoguerra per l’intervento di Dio di essere calpestata dal pesante e tirannico stivale di Stalin grazie alla preghiera insistente del Santo Rosario da parte della gente. Nella città di Hiroshima, rasata a suolo dalla bomba atomica nel 1945, un gruppetto di gesuiti che al momento dello scoppio pregava la Corona sopravvissero miracolosamente, dentro una casa che rimase intatta in mezzo alle macerie generalizzate, senza che loro presentassero delle conseguenze per via delle radiazioni. Questo fatto meraviglia tuttora i medici! 

Poi c’è l’esperienza dei grandi santi missionari. San Luigi Grignion de Montfort, ad esempio, affermava: “Ho visto un’infinita differenza nella vita morale della gente delle parrocchie in cui ho fatto la missione. Coloro che avevano abbandonato la preghiera del Rosario erano ricaduti nei loro peccati; gli altri, invece, che ne perseveravano, si conservavano nella grazia di Dio e crescevano sempre nella virtù”. E aggiungeva: “il Rosario possiede una forza irresistibile per convertire i cuori i più induriti”.

La potenza del Santo Rosario

Quello che ha di particolare la preghiera del Rosario è senza nessun dubbio la semplicità, bellezza e perfezione. San Paolo ci insegna (Rm 10,9): “se confesserai con la tua bocca che Gesù è il Signore, e crederai con il tuo cuore che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvo”. Perciò la confessione di fede si coltiva nel cuore e si manifesta sulle labbra. In modo simile, succede con la devozione: ella nasce dagli intimi sentimenti dell’anima e si manifesta pubblicamente. Il Santo Rosario possiede tutte e due le dimensioni, cioè, la recita che viene spesso fatta a voce alta nella ripetizione dei Padre-Nostro, delle Ave-Maria e del Gloria, e la meditazione dei misteri che si fa con la mente. Pertanto, è semplice nella recita, bella nella contemplazione e perfetta perché abbina ambedue modi di pregare in armonia.

Il Santo rosario, inoltre, è più forte contro il demonio per il semplice fatto che la Madonna è la Regina degli Angeli e ha un potere di vincere e umiliare il demonio che è totale! Purtroppo è pure poco conosciuto.

San Luigi Maria Grignion de Montfort dice chiaramente che molti cristiani in punto di morte, che dovrebbero secondo le leggi ordinarie essere dannati all’ inferno, sono salvati dalla preghiera del Santo Rosario. Satana, dunque, vede rabbioso che tante prede della sua astuzia gli scappano per opera di quella Signora Santa il cui nome non vorrebbe nemmeno pronunciare. È bella la giustizia di Dio, non ti pare? Tutto un Angelo di natura sublime ma corrotto per l’orgoglio tremare davanti a una Donna… Ed è proprio così!

I frati domenicani, francescani ecc. portano il Rosario appeso alla cintura sul lato sinistro, lo stesso adoperato dai cavalieri per portare le loro spade. Ciò significa che la Corona è un’arma potentissima e i cristiani dovrebbero farsi forti usandola con grande fede e perseveranza! I Santi vogliono anzitutto salvare la propria anima, ma anche salvare l’anima dei loro prossimi. Pertanto, adoperano i mezzi più efficaci: ecco perché amano talmente tanto il Santo Rosario!

Iscriviti alla nostra newsletter!

Riceverai tutti gli aggiornamenti del nostro sito web, oltre alla possibilità di avere la nostra rivista “Templum Domini” in formato scaricabile e stampabile, e tanti altri contenuti esclusivi!

Leggi anche questi articoli

Giuseppe, l’uomo giusto

Dio dà importanza a delle cose che non fanno chiasso. Anche certi luoghi sono prediletti da Dio e non vuole farlo sapere se non ai suoi fedelissimi amici.

Risurrezione

San Bernardino da Siena un giorno predicava a Padova sul Patriarca San Giuseppe. Ad un tratto esclamò: San Giuseppe è glorioso in Cielo, in corpo ed in anima.

L’orientamento dell’altare

Il Termine altare deriva dal latino altarium e indicava in epoca antica una mensa destinata a ricevere sacrifici e/o olocausti offerti in dono alla divinità. Anche nel cristianesimo l’altare è quel luogo, fulcro dell’edificio in cui si svolge la Messa, dove avviene il Sacrificio Eucaristico.

error: Questo contenuto è protetto!