Le figure-modello dell’Avvento: Isaia

Le figure-modello dell’Avvento: Isaia

Il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce; su coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse.
Il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce; su coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse.
Che cosa celebriamo

Nella liturgia dell’Avvento emergono alcune figure bibliche che danno una particolare tonalità a questo tempo liturgico: Isaia, Giovanni Battista, la Madonna, san Giuseppe.

Isaia

Un’antichissima e universale tradizione ha assegnato all’Avvento la lettura del libro di questo profeta, perché in lui, più che negli altri, si trova un’eco della grande speranza che ha confortato il popolo eletto durante i secoli duri e decisivi della sua storia, soprattutto durante l’esilio.
La seconda parte del libro, costituita dai capp. 40-55, chiamata “Il libro della consolazione”, è opera del cosiddetto Deutero-Isaia. Essa contiene essenzialmente un lieto annuncio di liberazione, parla di un nuovo e più glorioso esodo e della creazione di una nuova Gerusalemme. Le pagine più significative di questo libro sono proclamate durante l’Avvento e costituiscono un annuncio di speranza perenne per gli uomini di tutti i tempi. Il Deutero-Isaia presenta agli sfiduciati esuli il fondamento dell’attesa del futuro.
Non c’è motivo per dubitare che Iahvè non compia le sue promesse. Lui, che ha creato i cieli e la terra, non manca della potenza per redimere Israele (48,13). La salvezza sarà dunque una nuova creazione (45,7-8) e il futuro avrà il senso di un’azione creatrice.

Iscriviti alla nostra newsletter!

Riceverai tutti gli aggiornamenti del nostro sito web, oltre alla possibilità di avere la nostra rivista “Templum Domini” in formato scaricabile e stampabile, e tanti altri contenuti esclusivi!

Leggi anche questi articoli

Chi era il maestro di camera?

[page_title]  Il maestro di camera del papa era il prefetto della camera papale, primo prelato della Santa Sede e secondo prelato palatino. Presiedeva al cerimoniale della

Accidiosi

La palude Stigia nella struttura apparente dell’Inferno rappresenta il quinto cerchio, nella struttura segreta rappresenta la prima parte del quarto ripiano del peccato attuale. La seconda parte di questo ripiano unico è costituita dal sesto cerchio cioè dal cerchio dell’eresia.

Complotto contro Gesù

Nostro Signore Gesù Cristo, sposo della Santa Chiesa, indissolubilmente unito a Lei come il corpo lo è con il capo, dovette morire per poter riscattare la colpa infinita di Adamo, rivolta contro Dio.

error: Questo contenuto è protetto!