Le figure-modello dell’Avvento: San Giuseppe

Le figure-modello dell’Avvento: San Giuseppe

Ecco il servo saggio e fedele, che il Signore ha posto a capo della sua famiglia.
Ecco il servo saggio e fedele, che il Signore ha posto a capo della sua famiglia.
Che cosa celebriamo

Nella liturgia dell’Avvento emergono alcune figure bibliche che danno una particolare tonalità a questo tempo liturgico: Isaia, Giovanni Battista, la Madonna, san Giuseppe.

San Giuseppe

Dai testi biblici dell’Avvento natalizio emerge, anche se con l’umiltà che la contraddistingue, la figura di Giuseppe, sposo di Maria, e proprio nel momento più significativo e delicato insieme della sua missione di padre legale di Gesù. Il “mistero” di Giuseppe è riassunto in due parole dal testo evangelico: uomo giusto (cf Mt 1,19).
Giuseppe appartiene alla stirpe di Davide e, come tale, permette di comprendere il compimento della promessa fatta da Dio al suo regale antenato:

“Io assicurerò dopo di te la discendenza uscita dalle tue viscere, e renderò stabile il suo regno”.

(2 Sam 7,12)

Giuseppe, in tal modo, è l’anello di congiunzione che, attraverso Davide da cui discende, unisce Cristo alla grande “Promessa”, cioè ad Abramo. Proprio perché legalmente “figlio di Giuseppe” (Lc 4,22), Gesù ha potuto rivendicare a sé il titolo messianico di “figlio di Davide” (cf Mt 22,41-46). Come “figlio di Davide” (Mt 1,20), Giuseppe ha un posto nel mistero dell’Incarnazione del Figlio di Dio perché permette a Cristo di collocarsi nella stirpe davidica secondo le promesse messianiche.
Infine la figura di Giuseppe appare l’uomo giusto per la sua fede. Egli è il tipo del “povero”, non solo perché assicura alla vita di Cristo l’inserimento nella comunità degli ultimi tempi, ma soprattutto perché la sua fede è modello di quella di ogni uomo che vuole entrare in dialogo e in comunione con Dio.

Iscriviti alla nostra newsletter!

Riceverai tutti gli aggiornamenti del nostro sito web, oltre alla possibilità di avere la nostra rivista “Templum Domini” in formato scaricabile e stampabile, e tanti altri contenuti esclusivi!

Leggi anche questi articoli

Segni di contraddizione

Nel linguaggio popolare questa festa è nota con il termine “candelora”, che accentua quel particolare rito liturgico, celebrato all’inizio della liturgia, della benedizione delle candele e della processione di ingresso in Chiesa con le lampade accese.

Ecco lo sposo: andate incontro a Cristo Signore

Ogni vigilia si proietta su un domani e non tutte le vigilie sono gioiose, alcune sono caratterizzate dalla paura, dall’angoscia: quando prevediamo una brutta notizia, quando aspettiamo che qualche “autorità” decida il nostro destino.

Un abito ceruleo per chi cerca il regno di Dio

Lo scapolare teatino nasce dalla generosità e dall’amore della venerabile Orsola Benincasa, fondatrice delle Suore Teatine, alla quale il 2 febbraio 1617 apparve la Beata Vergine

error: Questo contenuto è protetto!