Perché le chiese sono aperte?

Già nel mese di maggio si era animata la polemica sulla riapertura delle chiese: è un rischio? Verranno rispettati i protocolli? È giusto tornare?
Tuttavia, poche volte si è data la giusta risposta alle domande: perché le chiese hanno riaperto? Perché è giusto tenerle aperte?
Ebbene, le chiese non devono stare aperte per incontrare la comunità, fare festa insieme o, meglio, non è questo l’obiettivo principale: in chiesa si va per adorare Nostro Signore Gesù Cristo presente nel tabernacolo; per partecipare alla Santa Messa, il Sacrificio di salvezza; per ricevere il Divin Sacramento Eucaristico e fortificarci; per confessare con umiltà i nostri peccati davanti al sacerdote.
Ecco, questi sono i motivi per cui le chiese devono stare aperte: è una questione trascendente, non può ridursi alla semplice immanenza ammantata di quel buonismo un po’ bigotto del “Dobbiamo trovarci insieme, è la festa della comunità!!”, dimenticando che essa si costruisce non sulla simpatia del parroco ma attorno all’altare. Si dimentica anche che la chiesa è casa di Dio, casa di preghiera ( Domus mea domus orationis vocabitur), non è un’assemblea condominiale, un circolo sportivo o la piazza.
Pertanto, se la situazione dovesse aggravarsi, ci permettiamo di farci forieri di questo invito: iniziamo togliendo le attività non necessarie (feste, incontri, riunioni…) e garantendo sempre (quand’anche vengano nuovamente sospese le Messe cum populo) la possibilità di ricevere la Santa Eucarestia e di confessarsi.

Infine, un’ultima nota: riprendiamo a pregare. Chiediamo continuamente a Dio, con fiducia, la grazia di essere salvati dal contagio fisico e, ancor di più, dal peccato.

Iscriviti al nostro canale Whatsapp per contenuti esclusivi

Altri articoli che potrebbero interessarti

Iscriviti al nostro canale Whatsapp per contenuti esclusivi

error: Questo contenuto è protetto!