Riparazione come atto d’amore a Gesù oltraggiato
10 Giugno 2021
Inflamma Cor Nostrum amore tui
11 Giugno 2021

SANTI

San Barnaba apostolo

San Barnaba apostolo (originariamente chiamato Giuseppe di Cipro), era giudeo di famiglia levitica emigrata a Cipro.
Secondo gli Atti degli Apostoli si convertì al cristianesimo poco dopo l’episodio della Pentecoste,
vendette tutti i suoi averi e consegnò il ricavato alla Chiesa cristiana appena nata,.



 

Don Riccardo Pecchia  |  11 Giugno 2021  |  Tempo di lettura: 2 minuti

 

SANTI

San Barnaba apostolo

San Barnaba apostolo (originariamente chiamato Giuseppe di Cipro), era giudeo di famiglia levitica emigrata a Cipro. Secondo gli Atti degli Apostoli si convertì al cristianesimo poco dopo l’episodio della Pentecoste, vendette tutti i suoi averi e consegnò il ricavato alla Chiesa cristiana appena nata.

Don Riccardo Pecchia
11 Giugno 2021
Tempo di lettura: 2 minuti

 

San Barnaba apostolo (originariamente chiamato Giuseppe di Cipro), era giudeo di famiglia levitica emigrata a Cipro. Secondo gli Atti degli Apostoli si convertì al cristianesimo poco dopo l’episodio della Pentecoste, vendette tutti i suoi averi e consegnò il ricavato alla Chiesa cristiana appena nata, il suo fu un ammirevole esempio di carità; dopo il battesimo fu rinominato Barnaba, che significa “figlio della consolazione” o “figlio dell’esortazione”. Fu lui, divenuto un membro autorevole della prima comunità cristiana, a farsi garante di Saulo di Tarso, ex-persecutore dei cristiani recentemente convertitosi a Damasco, che verrà chiamato Paolo. Quando ad Antiochia iniziò la conversione dei primi cristiani non ebrei, Barnaba vi fu inviato insieme a Paolo, divenendo uno dei capi della comunità. L’enorme successo della loro predicazione ad Antiochia, inizialmente creò dubbi nella Chiesa di Gerusalemme; ma Paolo e Barnaba tornarono a riferire agli Apostoli come si era svolta l’evangelizzazione. Da Antiochia di Siria, visto il successo tra i Gentili, partirono per evangelizzare altri popoli, accompagnati da Giovanni Marco, futuro san Marco evangelista e parente di Barnaba. Si recarono prima a Cipro, terra nativa di Barnaba stesso, e successivamente in Asia Minore.
A Perge in Panfilia Marco lasciò i suoi compagni per motivi non conosciuti, ma tale gesto dispiacque a Paolo che successivamente non lo volle più tra i suoi compagni di missione. Dopo un viaggio pieno di problemi e maltrattamenti, ma con notevole successo missionario, viaggio che interessò Antiochia di Pisidia, Iconio, Lystra, dove capitò un curioso incidente: poiché Paolo aveva miracolosamente guarito un uomo storpio dalla nascita, la popolazione ancora pagana identificò in Barnaba Giove e in Paolo Mercurio, e i due apostoli dovettero faticare per impedire che si facesse un sacrificio in loro onore. Ritroviamo di nuovo insieme Paolo e Barnaba intorno al 49 a Gerusalemme per la disputa sulla circoncisione o meno dei pagani convertiti: il “Concilio degli Apostoli” diede loro ragione sulla non necessità dell’osservanza della legge mosaica per i neo-convertiti. A questo punto i due apostoli si separarono: Barnaba volle portare con sé, in un nuovo viaggio di evangelizzazione, Marco che Paolo, memore della precedente separazione, non gradiva. Negli Atti degli Apostoli Paolo partì per l’Asia con Sila; Barnaba e Marco andarono a Cipro; poi negli Atti non lo si menziona più: da qui inizierà il suo viaggio in Italia. Secondo quanto attestano alcuni cataloghi bizantini sui discepoli del Signore, Barnaba si recò prima a Roma, insieme a Pietro, poi si spostò verso il nord d’Italia, per fondare la Chiesa in Milano, per cui è considerato il primo vescovo. Secondo la leggenda Barnaba continuò a viaggiare e predicare fino a Salamina, dove giudei giunti a Salamina dalla Siria che, invidiosi delle conversioni da lui operate, lo avrebbero lapidato e bruciato nell’anno 61.
 
error: Questo contenuto è protetto!