Possiamo ancora rubare il paradiso
14 Marzo 2021
L’immagine trasmigratoria della Vergine di Fossolovara
15 Marzo 2021

SANTI

San Longino

San Longino (Gaio Cassio Longino), nacque nella città di Anxanum (oggi Lanciano),
dove sarebbe tornato in vecchiaia, militò nella Legione Fretense,
distaccata in Siria e nella Palestina attorno all’anno 30.


Don Riccardo Pecchia | 15 Marzo 2021 | Tempo di lettura: 2 minuti


SANTI

San Longino

San Longino (Gaio Cassio Longino), nacque nella città di Anxanum (oggi Lanciano), dove sarebbe tornato in vecchiaia, militò nella Legione Fretense, distaccata in Siria e nella Palestina attorno all’anno 30.


Don Riccardo Pecchia
15 Marzo 2021
Tempo di lettura: 2 minuti

 

San Longino (Gaio Cassio Longino), nacque nella città di Anxanum (oggi Lanciano), dove sarebbe tornato in vecchiaia, militò nella Legione Fretense, distaccata in Siria e nella Palestina attorno all’anno 30. Longino probabilmente è un nome fittizio che deriva dal greco λόγχη (lònche, lancia). Nessuno dei Vangeli canonici nomina la figura di Longino, ma Luca, Matteo e Giovanni parlano di un soldato che, prima che il corpo di Cristo fosse concesso a Giuseppe di Arimatea e Nicodemo per la sepoltura, per assicurarsi che Gesù fosse morto gli colpì il fianco con la lancia, da cui «uscì sangue e acqua» (Gv 19,34). Secondo una tradizione orientale e greca, passata poi anche in occidente, racconta che Longino era malato agli occhi, ma il sangue di Gesù, schizzato su di essi, lo guarì, poi pose un pò del sangue di Cristo in un’ampollina e lo portò via con sé a Lanciano, dove fu martirizzato. Potrebbe essere una leggenda popolare nata per dire che la vista del sangue di Cristo, mentre era ai piedi della croce, gli aprì gli occhi alla fede cristiana. Secondo gli Acta Pilati Longino era inoltre il centurione al comando del picchetto di soldati posti a guardia del sepolcro di Cristo, che avevano anche assistito alla sua morte.
In occidente la sua figura si fuse poi con quella del centurione romano, che al momento della morte di Gesù gridò: «veramente costui era Figlio di Dio» (Mt 27,54), e che successivamente, quando il corpo di Gesù doveva essere deposto dalla croce perché stava per iniziare il sabato, giorno di festa per gli ebrei, in cui non si potevano lasciare i cadaveri dei condannati a morte esposti per evitare di spezzargli le ossa delle gambe, come prescriveva la legge, per un atto di pietà, preferì colpirgli il costato con la lancia, dal quale sgorgò sangue e acqua. Comandò poi i soldati messi di guardia al sepolcro di Gesù, e dopo la sua Risurrezione, andò assieme alle altre guardie dai sommi sacerdoti a riferire l’accaduto. Questi tentarono di corromperli con doni e promesse affinché testimoniassero falsamente che i soldati di guardia al sepolcro si erano addormentati, permettendo che i seguaci di Gesù ne trafugassero il corpo, per poi dire che era risorto. Mentre gli altri soldati si lasciarono corrompere, Longino rifiutò di dire il falso, anzi contribuì a diffondere a Gerusalemme il resoconto della Resurrezione di Cristo. Per questo motivo cadde in disgrazia agli occhi dei notabili della città, che decisero di farlo uccidere, il centurione però avendo scoperto questo disegno, lasciò l’esercito romano assieme a due commilitoni e ritornò in Italia da Gerusalemme, nella sua città natale Anxanum (l’attuale Lanciano), qui avrebbe predicato e donato tutti i suoi averi ai poveri, prima di essere catturato e giustiziato per decapitazione; patrono dei militari e ciechi.
 
error: Questo contenuto è protetto!