SANTI

San Tommaso Didimo

San Tommaso Didimo, nacque in Galilea nel I secolo a.C., Tommaso, in aramaico,
significa “gemello”, e lo stesso significato ha l’appellativo greco,
Didimo, con cui l’apostolo viene anche indicato.



 

Don Riccardo Pecchia  |  03 Luglio 2021  |  Tempo di lettura: 2 minuti

 

SANTI

San Tommaso Didimo

San Tommaso Didimo, nacque in Galilea nel I secolo a.C., Tommaso, in aramaico, significa “gemello”, e lo stesso significato ha l’appellativo greco, Didimo, con cui l’apostolo viene anche indicato.

Don Riccardo Pecchia
03 Luglio 2021
Tempo di lettura: 2 minuti

 

San Tommaso Didimo, nacque in Galilea nel I secolo a.C., Tommaso, in aramaico, significa “gemello”, e lo stesso significato ha l’appellativo greco, Didimo, con cui l’apostolo viene anche indicato. Era un pescatore, come si deduce dall’episodio della pesca miracolosa nel Vangelo di Giovanni (Gv 21,2), che di lui parla anche in varie altre occasioni, e in particolare per il famoso episodio dell’incredulità (Gv 20, 24-29): «Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Didimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dissero allora gli altri discepoli: “Abbiamo visto il Signore!”. Ma egli disse loro: “Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il dito nel posto dei chiodi e non metto la mia mano nel suo costato, non crederò”. Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, si fermò in mezzo a loro e disse: “Pace a voi!”. Poi disse a Tommaso: “Metti qua il tuo dito e guarda le mie mani; stendi la tua mano, e mettila nel mio costato, e non essere più incredulo ma credente!”. Rispose Tommaso: “Mio Signore e mio Dio!”. Gesù gli disse: “Perché mi hai veduto, hai creduto: beati quelli che pur non avendo visto hanno creduto!”».
Secondo una tradizione che risale almeno a Origene, Tommaso evangelizzò la regione dei Parti, cioè la Siria e la Persia: «Quanto agli apostoli e ai discepoli del Salvatore nostro dispersi per tutta la terra, la tradizione riferisce che Tommaso ebbe in sorte la Partia... Tutto questo è riportato testualmente da Origene nel terzo tomo del Commento alla Genesi» (Eusebio di Cesarea, Storia ecclesiastica, III, 1, 1.3). Un’altra tradizione, più tarda, che risale a san Gregorio Nazianzeno, attribuisce a Tommaso l’evangelizzazione dell’India, regione dove avrebbe subito il martirio. Questa tradizione appare accolta anche dagli apocrifi Atti di Tommaso, un testo siriaco della metà del III secolo composto probabilmente a Edessa (attuale Urfa, oggi in Turchia). Secondo questo testo Tommaso giunse fino all’alto corso del fiume Indo, nell’India occidentale, per trasferirsi poi nell’India meridionale, dove morì martire, ucciso a colpi di spada o di lancia, poco lontano da Calamina (odierna Mylapore, India), tra il 68-72 d.C.; patrono degli architetti.
 
gdpr-image
This website uses cookies to improve your experience. By using this website you agree to our Data Protection Policy.
Read more
error: Questo contenuto è protetto!