Santa Teresa di Gesù Bambino - Ecclesia Dei

di Don Riccardo Pecchia

Santa Teresa di Gesù Bambino (al secolo Thérèse Françoise Marie Martin), nacque ad Alençon (Francia) il 2 gennaio 1873, suo padre Louis Martin, esercitava il mestiere di orologiaio, la madre Marie-Azélie Guérin Martin era una sarta esperta, ebbero nove figlie, dei quali quattro morirono in tenera età e le altre cinque, divennero religiose. Cresce in una famiglia di cattolici ferventi che assistono ogni mattina alla messa, rispettano rigorosamente il digiuno e pregano rispettando i ritmi dell’anno liturgico. Inoltre i Martin praticano la carità e accolgono all’occasione dei vagabondi alla loro tavola, visitano i malati e gli anziani. Tuttavia nonostante le tragedie nella famiglia Martin regna una solida fede che le acconsente di scorgere in ogni avvenimento la presenza di Dio. Appena nata Teresa conosce la sofferenza: a soli quindici giorni rischia di morire per un’enterite acuta. A due mesi Teresa supera una crisi però la madre è tuttavia costretta, su parere del medico, a separarsi dalla figlia e affidarla a una nutrice amica. All’età di 4 anni Teresa perde la mamma, minata da un cancro al seno, tuttavia le sorelle fanno del loro meglio per crescere la piccola Teresa, nello stesso periodo si trasferiscono a Lisieux. Ha 9 anni quando sua sorella Paolina, la sua «piccola mamma», entra al Carmelo della città, verso il mese di dicembre 1882, la salute di Teresa si degrada stranamente: è presa continuamente da emicranie, dolori ai fianchi. Mangia poco, dorme male, appaiono delle pustole. Nessuno sa diagnosticare la malattia. Teresa, familiari e amici pregano moltissimo. Il 13 maggio 1883, quando ormai sembrava inevitabile la morte. Teresa vede la Vergine sorridente e immediatamente guarisce.

La guarigione improvvisa e quel sorriso materno di Maria la rendono ancora più determinata a realizzare il sogno da sempre nutrito ossia consacrarsi totalmente a Dio. Successivamente anche la primogenita Maria entra nel Carmelo. A 14 anni, Teresa annuncia al padre l’intenzione di entrare al Carmelo. A 15 anni, il 9 aprile 1888, varca il cancello della clausura, dopo aver ottenuto, considerata la sua giovane età, un permesso particolare da papa Leone XIII, che incontrò il 20 novembre 1887 a Roma. Da carmelitana assunse il nome di “Teresa del Bambin Gesù”, aggiungendovi in seguito “del Volto Santo”. Nel 1893 fu nominata vice-maestra delle novizie, in aiuto a madre Maria Gonzaga. Nel 1894, dopo una lunga malattia mentale, il padre Louis morì. Questo fatto le procurò un terribile dolore. Nell’aprile del 1896 la monaca contrasse la tubercolosi, malattia che nel giro di 18 mesi la portò alla morte. In questo periodo Teresa subì una crisi profonda della fede: meditò di abbandonare il monastero e si sentiva spinta all’ateismo e al materialismo. Questi mesi sono stati dalla religiosa definiti come “notte della fede”. Durante la quaresima del 1896, Teresa segue rigorosamente gli esercizi e i digiuni. Nella notte tra il Giovedì santo e il Venerdì santo è vittima di una prima emottisi. Con la primavera, i vomiti, i forti dolori al petto e gli sputi di sangue divengono quotidiani e la sua salute cagionevole, di Teresa, non resisterà a lungo al rigore della regola carmelitana, morirà di tubercolosi, vivendo giorno per giorno le sue sofferenze in perfetta unione a Gesù Cristo morto in croce, per la salvezza degli uomini. Morì il 30 settembre 1897, a 24 anni; patrona dei missionari e assieme a santa Giovanna d’Arco e patrona di Francia.

Ecclesia Dei

Post navigation

error: Questo contenuto è protetto!