Siete servi inutili

Siete servi inutili

Non amo commentare le notizie poche chiare e senza fonti, quelle per cui "Un anonimo molto vicino a XY avrebbe dichiarato questo e questo però non possiamo dire di più"
Non amo commentare le notizie poche chiare e senza fonti, quelle per cui "Un anonimo molto vicino a XY avrebbe dichiarato questo e questo però non possiamo dire di più"

[page_title] 

Non amo commentare le notizie poche chiare e senza fonti, quelle per cui "Un anonimo molto vicino a XY avrebbe dichiarato questo e questo però non possiamo dire di più"

Non amo commentare le notizie poche chiare e senza fonti, quelle per cui “Un anonimo molto vicino a XY avrebbe dichiarato questo e questo però non possiamo dire di più”; maggior fastidio provo quando queste vicende riguardano la Chiesa, che invece dovrebbe brillare per trasparenza e verità.

Che dire, quindi, a riguardo della notizia, riportata da alcuni rotocalchi (qui), secondo la quale il Papa avrebbe impedito ai canonici della Basilica Vaticana di prendere parte al Santo Rosario del 1° maggio? Io direi di analizzare, se i miei tre lettori me lo consentono, il principio che vi è dietro, questo sì che è noto e manifesto. Ebbene, se la notizia fosse vera sarebbe da riportare ad un’idea precisa, ma se non fosse vera possiamo comunque enunciare il principio.

Negli ultimi anni si è accentuata (da radici più antiche e meno sospette), la tendenza ad ignorare o, quanto meno, sminuire la liturgia. Siamo stati presi da un ecclesioprassismo orizzontale spaventoso: fare, fare, fare. I vescovi sono buoni vescovi se predicano contro la mafia e a favore degli ultimi; i sacerdoti sono buoni sacerdoti se organizzano riunioni di consigli e comitati; i missionari sono buoni missionari se aprono ospedali e scuole. Attenzione: tutte queste attività sono buone, ottime, ma da sole non bastano. Dove sta Dio? Da dove , questi attivissimi pastori, prendono la forza, se non dalla grazia? Per esperirla, però, è necessario vivere la liturgia. Non si tratta di un aspetto secondario o marginale, ma del primo compito di ogni chierico, a gloria di Dio e a beneficio del popolo.

Ecco perché la Chiesa ha istituito i canonici, sacerdoti che si occupano permanentemente del culto divino nelle basiliche e nelle cattedrali. Agli occhi del mondo il loro ruolo è inutile, davanti a Dio è preziosissimo. È grazie alla loro voce che può elevarsi in modo solenne la voce della Sposa al Teantropo.

Pertanto, prima di escluderli, pensiamoci un attimo: sono davvero dei servi inutili? La notizia inerente a San Pietro non è ben chiara, il principio testé enunciato purtroppo sì. La liturgia non serve a niente perché insegna a non servire, cioè a non essere schiavi della logica utilitaristica del mondo. I canonici, i monaci, e chiunque vive in modo assiduo la preghiera liturgica è un servo inutile, cioè è un servo libero dalle catene del mondo.

WhatsApp Image 2021-05-03 at 09.24.03
© Arcidiocesi di Milano – https://www.chiesadimilano.it
Iscriviti alla nostra newsletter!

Riceverai tutti gli aggiornamenti del nostro sito web, oltre alla possibilità di avere la nostra rivista “Templum Domini” in formato scaricabile e stampabile, e tanti altri contenuti esclusivi!

Leggi anche questi articoli

L’Ave Maria: il respiro dell’anima

Maria è quella cassaforte dove Dio ha posto tutte le Sue grazie. Maria ha tutto nelle sue mani, Maria raccoglie tutta la Grazia sacrosanta di Dio. Quando diciamo piena di grazia noi stiamo dicendo “tu puoi o Maria”. Tu puoi ottenerci la grazia che ci necessita, tu puoi cambiarci il cuore.

In che senso brucia il fuoco dell’inferno

Com’è possibile che un elemento materiale come il fuoco, sperimentabile solo attraverso i nostri sensi corporali, possa influire su qualcosa di puramente spirituale quale è la nostra anima?

error: Questo contenuto è protetto!