Sostegno all’Istituto del Buon Pastore

Sostegno all’Istituto del Buon Pastore

Nelle scorse, terribili, settimane abbiamo visto spesso una Chiesa in ritirata: edifici di culto chiusi, sacramenti assolutamente inaccessibili e fedeli con un’ attesa messianica del vaccino.
Non sono mancate, tuttavia, felici eccezioni: la realtà di cui parliamo è quella del giovane e ancora piccolo Istituto del Buon Pastore. In diretta dalla loro casa di Roma, giorno per giorno, hanno trasmesso la Santa Messa tradizionale e altre funzioni, raggiungendo un buon numero di fedeli.
Non sono mancate le difficoltà: i sacerdoti dell’Istituto non vengono sovvenzionati in alcun modo dalla CEI (non essendo incardinati in diocesi), ma vivono solamente delle offerte dei fedeli. Nel video che trovate in calce trovate la simpatica presentazione di Don Giorgio Lenzi, Procuratore generale.
Offriamo alcune delle nostre preghiere a Maria, Regina dei Sacerdoti, per questa realtà che, già da ora, ha riaperto le porte della propria casa a tutti i fedeli che volessero ricevere i Santi Sacramenti o avere un colloquio spirituale.
Da ultimo, è interessante constatare la giovane età dei membri: è l’ennesima dimostrazione che la Tradizione della Chiesa (che non è un qualsiasi prodotto culturale occidentale od orientale, ma l’eredità che riceviamo dai nostri Padri nella fede) ad attrarre i giovani, e non le schitarrate sessantottine che spesso vengono proposte.
Buona visione e preghiamo per loro!

Ecclesia Dei

Iscriviti alla nostra newsletter!

Riceverai tutti gli aggiornamenti del nostro sito web, oltre alla possibilità di avere la nostra rivista “Templum Domini” in formato scaricabile e stampabile, e tanti altri contenuti esclusivi!

Leggi anche questi articoli

La Consacrazione a Maria: valore ed importanza

La vera devozione alla Santa Vergine è la «via facile, breve, perfetta e sicura per giungere all’unione con Gesù Cristo Signore, nella quale consiste la perfezione cristiana». La consacrazione a Maria ne è il culmine e il trionfo, quanto mai necessaria per i nostri tempi.

Gesù patisce per mostrarci la sua carità

L’amore di carità soprannaturale diretto alle sue creature, è ciò che spinge Gesù Cristo a patire tutto, fino a quando tutto è compiuto, anche se Iddio ben già aveva dimostrato il suo amore all’uomo con tanti benefici a lui dispensati.

error: Questo contenuto è protetto!