Supplica a San Ludovico

Supplica a San Ludovico

Dal testamento spirituale di San Ludovico, dal prefazio proprio del nuovo messale francescano e da un’antica poesia è stata tratta questa supplica.

“Il Signore ti dia la grazia di fare la sua
volontà, perché riceva onore e gloria per
mezzo tuo e, dopo questa vita,
conceda a tutti noi di giungere insieme a
vederlo, amarlo e lodarlo senza fine.“
(dal Testamento spirituale)

San Ludovico,
patrono del terz’ordine Francescano,
guarda a noi tuoi fedeli,
che onoriamo la tua memoria
e diffondiamo i tuoi insegnamenti,
e donaci le grazie di cui necessitiamo.

Tu che lasciando con grande premura a tuo figlio i tuoi insegnamenti
hai voluto ricordare a quanti ti scelgono quale mirabile esempio di santità
che “è preferibile essere tormentati da qualsiasi martirio
che cadere in un vero peccato mortale”,
volgi il tuo sguardo benigno su di noi,
che ogni giorno torniamo quali miseri peccatori
all’altare di quel Gesù che hai tanto amato e onorato,
e intercedi per noi presso il trono di Dio,
perché anche in noi sia impresso
uno spirito di vera umiltà, di piccolezza,
di fortezza nelle tribolazioni, di santità.

Tu, Santo dell’Eucarestia,
imprimi nel nostro cuore il tenero amore
che provasti verso Cristo realmente presente,
dinnanzi al quale mostrasti
come anche i re e i potenti della terra
debbano onorarlo prostrandosi.

Tu, Santo del Sacrificio incruento,
imprimi nel nostro cuore il tuo stesso amore
per la Santa Messa e la Sacra Liturgia
e donaci la grazia di contemplare sempre con cuore puro
i misteri del Regno dei Cieli.

Tu, nostro possente Patrono,
donaci un cuore vero e sincero,
capace di operare una vera carità fraterna
verso i poveri, i miserabili e gli afflitti.

Tu, re fattosi servo obbediente di Cristo,
rendici servi obbedienti della Chiesa,
capaci di guardare alla nostra vera madre spirituale
per conformarci alla sua Dottrina,
vera Dottrina di Cristo.

Tu che un giorno hai allontanato il Male dalle tue terre,
allontana oggi dalla nostra nazione e dal mondo ogni peccato
e rendici capaci di combattere con forza
le bestemmie e le eresie del nostro tempo.

Tu, che divenuto re ancora fanciullo
fosti guidato dalla tua pia e tenera madre
imparando ad amare Dio sopra ogni altra cosa,
insegnaci a guardare con fiducia a Maria, nostra celeste Madre,
perché ci renda nella Chiesa potenti annunciatori
dell’unica vera Parola che salva,
Cristo Gesù nostro Signore.

Così sia.

L.N. et M.C.M. fecerunt

Iscriviti alla nostra newsletter!

Riceverai tutti gli aggiornamenti del nostro sito web, oltre alla possibilità di avere la nostra rivista “Templum Domini” in formato scaricabile e stampabile, e tanti altri contenuti esclusivi!

Leggi anche questi articoli

Bartholomeus Cardinalis D’Avanzo

Bartolomeo D’Avanzo nacque ad Avella, in provincia di Avellino, ridente cittadina della verde Irpinia, alle ore otto e trenta del 3 luglio 1811, lo stesso giorno riceve il sacramento del battesimo al fonte battesimale della Parrocchia di Santa Marina imponendogli il nome Bartolomeo.

Firma la petizione!

A causa del Coronavirus che sta colpendo l’Italia e il mondo intero, non viene permesso ai sacerdoti di portare conforto ai malati. In particolare non è

Per una Novena cattolica

Siamo nei giorni della Novena in preparazione al Santo Natale. Ma anche in questi giorni i nostri occhi e orecchie di liturgisti e di cattolici inorridiscono di fronte a certe trovate.

error: Questo contenuto è protetto!