Search
Close this search box.

Ti condurrò nel deserto e parlerò al tuo cuore

Quando si sta in silenzio con il cuore rivolto a Dio avviene quella che S. Francesco chiamava “santa operazione”: uno scambio di ossigeno tra il nostro cuore e lo Spirito Santo.

Per pregare con il cuore c’è bisogno di fare silenzio. Ma perché l’uomo teme il silenzio? Perché nel silenzio – paradossalmente – entriamo in dialogo con due grandi realtà che parlano alla nostra mente e al nostro cuore: la coscienza e Dio. Nel silenzio dunque è possibile mettersi in dialogo con Dio, specialmente nella meditazione della Sua Parola, ed è possibile capire quale sia nella nostra vita la volontà del Signore. Durante la giornata, quando camminiamo o quando facciamo qualsiasi cosa, la nostra mente è invasa da pensieri i quali non sempre sono buoni e retti poiché non vengono sempre da Dio. È quindi cosa buona trovare uno spazio di tempo – giornalmente – in cui sostare in silenzio e lasciare che Gesù parli al nostro cuore, alla nostra anima, invocando lo Spirito Santo affinché ci doni, nel silenzio, il discernimento degli spiriti per fare sempre ciò che è secondo il Cuore di Gesù. Accade, alle volte, che giunge alla mente l’idea di fare qualcosa che di per sé è qualcosa di buono ma, inserita nel contesto che ciascuno vive, non è secondo il Cuore e la volontà di Dio. Il silenzio, esteriore e interiore, penetra nell’anima e con la grazia divina irrompe con un linguaggio capace di sciogliere anche i cuori più induriti. Ora si può contestare quanto ho appena scritto dicendo che anche le filosofie orientali – vedi buddismo, induismo ecc. – praticano il silenzio. Ma vi è una differenza abissale: il silenzio usato in queste pratiche provenienti per di più dal mondo orientale, illudono l’uomo di svuotarsi di sé per far entrare il nulla (ergo il demonio, il nulla non esiste: se non c’è Gesù c’è in nemico e viceversa): non a caso chi fa pratica meditazione yoga, reiki o altro di questo genere ha quasi sempre problemi spirituali di natura diabolica.

Ti condurrò nel deserto e parlerò al tuo cuore
San Francesco nel deserto – Giovanni Bellini (1480 ca)

Il silenzio durante la meditazione e nell’ orazione nel cattolicesimo, invece, educa il fedele a fare silenzio esteriormente, poi interiormente – quindi a liberarsi almeno per il tempo di meditazione di sé e del mondo che lo invade – per poi invocare Dio che riempia la sua anima con la Sua Parola e con la Sua essenza. Quando si sta in silenzio con il cuore rivolto tutto a Dio avviene quella che il Serafico Padre Francesco amava chiamare “santa operazione”: una simbiosi, quasi uno scambio di ossigeno – lasciatemi passare questa metafora – tra il nostro cuore e lo Spirito Santo che viene a visitarci. Se si medita attentamente la Sacra Scrittura, in particolare il Nuovo Testamento, si può notare quale fosse la vita spirituale di Gesù: passava intere notti in preghiera e si alzava di buon mattino per pregare. Gesù si ritira in silenzio per dialogare con Dio Padre. Se non lo facciamo anche noi, che siamo così peccatori, cosa possiamo donare a chi ci sta intorno? Più si prega e si sta in silenzio con Dio, tanto più riceviamo e ci riempiamo fino ad impregnarci del Suo amore in modo da donarLo a coloro che incontriamo. Altrimenti, se non impariamo a stare a “cor ad Cor”, cuore a Cuore con Dio, ad “alzarci di buon mattino” per stare con Gesù, nel mondo portiamo solamente noi stessi, quindi un amore sterile, che prima o poi si fa trasportare dal mondo circostante. San Francesco d’Assisi si ritirava nel silenzio dell’Eremo delle Carceri per stare nel “costato di Gesù” a pregare e a meditare. Un’altra cosa importante da dire è che molte volte – poiché non tutti sono educati a questo – si crede che pregare coincida con recitare tante preghiere, quindi sia un parlare continuo anche se in silenzio o sottovoce. Fare silenzio nella propria anima e meditare le Scritture, i misteri del Rosario o stare semplicemente in silenzio davanti al tabernacolo chiedendo a Gesù che è realmente presente in corpo, anima e divinità di impossessarsi di noi affinché portiamo Lui ovunque andiamo e desideriamo e facciamo solamente ciò che è la Sua volontà. Solo così possiamo essere sempre più conformi a Gesù. Una buona scuola per stare in silenzio con Gesù è nostra Madre, Maria Santissima. Lei è la donna del silenzio per eccellenza, la quale ha amato Gesù al punto di donarlo a noi unendo così la Sua volontà a quella di Dio Padre. Solamente Lei, se le stringiamo la mano senza lasciarla mai, ci è madre e maestra conducendoci, nel Suo umilissimo silenzio, a Suo figlio Gesù che vuole donarci tutto sé stesso. Chiediamo il soccorso nella preghiera silenziosa a Maria, affinché ci aiuti a fare silenzio in noi e a riempirci di Gesù, proprio come ha fatto Lei.

Tag

TEMPLUM DOMINI

Leggi la nostra rivista telematica
Templum Domini

CANALE WHATSAPP

Iscriviti al nostro canale Whatsapp
per contenuti esclusivi

LEGGI ANCHE ...

Il 5 maggio 2021 ricorrono i duecento anni dalla morte di Napoleone, un personaggio che ha segnato la storia tra
Continuando la speculazione teologica sul mistero della Santissima Trinità, riflettiamo sul concetto di persona, che oggi è entrato nel linguaggio
San Giuseppe è raffigurato come membro della Sacra Famiglia e come operaio. Però le principali immagini lo rappresentano con un
Santa Giovanna d’Arco (Jeanne d’Arc), nacque a Domrémy (Francia) il 6 gennaio 1412, da una famiglia di contadini. Quando stava

TEMPLUM DOMINI

Leggi la nostra rivista telematica
Templum Domini

CANALE WHATSAPP

Iscriviti al nostro canale Whatsapp per contenuti esclusivi

error: Questo contenuto è protetto!