Una Messa senza Sacramento

Una Messa senza Sacramento

Diceva San Francesco d’Assisi che “l’Uomo deve tremare, il Mondo deve fremere, il Cielo intero deve essere commosso, quando sull’Altare, tra le mani del Sacerdote, appare il Figlio di Dio”.

Questo però non sembra essere molto chiaro a Don Angelo Nigro, sacerdote diocesano di Novara, che durante una celebrazione della Santa Messa (all’aperto) si sente in diritto di cambiarne la forma, di omettere il gloria, di cambiare le parole della Consacrazione. Questa realtà non è tuttavia una novità, sembra infatti che la curia ne sia già al corrente. Ai confratelli sacerdoti, l’ufficio liturgico ha risposto che non si devono preoccupare, che sono al corrente di questa situazione e che Don Angelo è libero di far ciò che vuole. Insomma non solo il danno ma anche la beffa.

Se vi va di fare un giro sulla pagina YouTube “Oratorio Nuova Realtà” potrete trovare alcuni video dove Don Angelo si presta a celebrare la Sua Messa. Un video in particolare ha destato non poco sgomento (clik qui), tanto da sollecitarci a scrivere un articolo per far conoscere questa realtà.

Questi sono i frutti del modernismo, di una chiesa sempre poco attenta alla liturgia, di una chiesa che permette ad un sacerdote di poter cambiare a proprio gusto e piacimento la liturgia. Badate bene, non c’è un video in cui troverete la stessa Messa, infatti sembra che a Don Angelo piaccia cambiare.

E’ questo il modello di chiesa che vogliamo? A cosa è servito il Concilio Vaticano II? A cosa servono allora i messali se non li si rispetta? Il nostro invito è quello di farvi un giro sulla pagina YouTube e di guardare con i vostri stessi occhi ciò che accade a Verbania. Non possiamo permettere che ciò possa accadere. Quella S. Messa non è valida, ha sbagliato le parole consacratorie con tanto di messale sotto gli occhi: non c’è Sacramento.

Ci rammarica molto che l’Ufficio diocesano se ne disinteressi. Lo stesso Mons. Brambilla sembra non aver preso posizioni. Evidentemente non hanno così a cuore l’Eucarestia. D’altra parte da una CEI che obbliga i fedeli a fare la comunione in mano non ci si può aspettare molto.

Ci è stato chiesto di segnalare questo sacerdote, ed è quello che faremo. Scriveremo una lettera alla Congregazione per il Culto Divino e alla Curia vescovile di Novara. Non possiamo tollerare simili attacchi all’Eucarestia! O con Dio o contro Dio, non ci sono compromessi.

Ecclesia Dei

Iscriviti alla nostra newsletter!

Riceverai tutti gli aggiornamenti del nostro sito web, oltre alla possibilità di avere la nostra rivista “Templum Domini” in formato scaricabile e stampabile, e tanti altri contenuti esclusivi!

Leggi anche questi articoli

Prologo

Siamo nel 1837: due giovani sottotenenti, recentemente usciti da San Cyr, visitano i monumenti e le curiosità di Parigi. Entrano nella Chiesa dell’Assunta, vicino alla Tuileries, e si mettono a guardare i quadri, le pitture e gli altri dettagli artistici di questa bella rotonda, senza curarsi affatto di pregare.

Patrono degli agonizzanti

Coloro che seguono gl’insegnamenti di Gesù e credono nella vita futura, vivono nella aspettazione della beata speranza; spesso richiamano alla mente l’ora della morte, sia per perseverare nel bene e sia per assicurarsi un buon passaggio alla eternità.

Unione con Gesù

Chi guarda l’immagine di San Giuseppe con il Bambino in braccio, spontaneamente pensa: Fortunato Santo, che in vita siete stato così vicino a Gesù! Questo pensiero, frutto di fede, si presta ad una grande riflessione.

error: Questo contenuto è protetto!