Massimiliano Pizzorulli

Massimiliano Pizzorulli

Redattore presso la redazione di Ecclesia Dei. Diplomato presso il Liceo delle Scienze Umane "Saffo".
Massimiliano Pizzorulli

Massimiliano Pizzorulli

Redattore presso la redazione di Ecclesia Dei. Diplomato presso il Liceo delle Scienze Umane "Saffo".

Articoli di Massimiliano Pizzorulli

La potenza del Santo Rosario

Quello che ha di particolare la preghiera del Rosario è senza nessun dubbio la semplicità, bellezza e perfezione. San Paolo ci insegna (Rm 10,9): “se confesserai con la tua bocca che Gesù è il Signore, e crederai con il tuo cuore che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvo”.

La sofferenza come atto d’amore

“Il mondo vuole eliminare Dio tanto quanto la sofferenza. Ma non può esserci amore se non c’è dolore” La sofferenza è propria di questo mondo. Si può soffrire fisicamente, spiritualmente, psichicamente.

La superbia: l’autostrada per la dannazione

La superbia è quel vizio capitale che ci può portare alla dannazione senza nemmeno accorgercene. In questo mondo in cui Dio quasi non può entrare, l’unica via di salvezza è proprio ritornare a Lui abbattendo così la dura barriera della superbia.

Aprimi il tuo cuore, voglio stare con te

Oggi, più che mai, dobbiamo recuperare tutto il rispetto e l’amore per l’Eucaristia e iniziare a prendere coscienza del bene infinito che ci è stato dato. Adorare Gesù è uno scambio di cuori dal momento che ci dialoghiamo con Lui: il nostro per essere purificato e perdonato, il Suo per amarlo, consolarlo, ripararlo.

Gli angeli: messaggeri della Volontà Divina

Gli angeli custodi sono degli umili servitori personali che nel silenzio e nell’invisibilità ci difendono nelle tentazioni aiutandoci così a restare lontano dal peccato. È lui che quando preghiamo porta la nostra intenzione dinanzi a Dio.

L’Ave Maria: il respiro dell’anima

Maria è quella cassaforte dove Dio ha posto tutte le Sue grazie. Maria ha tutto nelle sue mani, Maria raccoglie tutta la Grazia sacrosanta di Dio. Quando diciamo piena di grazia noi stiamo dicendo “tu puoi o Maria”. Tu puoi ottenerci la grazia che ci necessita, tu puoi cambiarci il cuore.

Essere discepoli di Maria per perdonare come Gesù

Ricordiamo l’agire di Gesù che “[…] insultato, non rispondeva con insulti. Maltrattato, non minacciava vendetta, ma si affidava a Colui che giudica con giustizia” (1 Pietro 3,9): se la fede è vera, autentica, la certezza assoluta del giudizio di Dio non prevale.

error: Questo contenuto è protetto!