Intervento del vescovo Suetta sullo scandaloso festival di Sanremo

Intervento del vescovo Suetta sullo scandaloso festival di Sanremo

Dichiarazioni di Sua Eccellenza Reverendissima Mons. Antonio Suetta, vescovo di Ventimiglia-Sanremo
Dichiarazioni di Sua Eccellenza Reverendissima Mons. Antonio Suetta, vescovo di Ventimiglia-Sanremo

[page_title] 

Dichiarazioni di Sua Eccellenza Reverendissima Mons. Antonio Suetta, vescovo di Ventimiglia-Sanremo

Coat_of_arms_of_Antonio_Suetta1

A seguito di tante segnalazioni di giusto sdegno e di proteste riguardo alle ricorrenti occasioni di mancanza di rispetto, di derisione e di manifestazioni blasfeme nei confronti della fede cristiana, della Chiesa cattolica e dei credenti, esibite in forme volgari e offensive nel corso della 71 edizione del Festival della Canzone Italiana a Sanremo, sento il dovere di condividere pubblicamente una parola di riprovazione e di dispiacere per quanto accaduto.

Il mio intervento, a questo punto doveroso, è per confortare la fede “dei piccoli”, per dare voce a tutte le persone credenti e non credenti offese da simili insulsaggini e volgarità, per sostenere il coraggio di chi con dignità non si accoda alla deriva dilagante, per esortare al dovere di giusta riparazione per le offese rivolte a Nostro Signore, alla Beata Vergine Maria e ai santi, ripetutamente perpetrate mediante un servizio pubblico e nel sacro tempo di Quaresima.

Un motto originariamente pagano, poi recepito nella tradizione cristiana, ricorda opportunamente che “quos Deus perdere vult, dementat prius”.

Quanto al premio “Città di Sanremo”, attribuito ad un personaggio, che porta nel nome un duplice prezioso riferimento alla devozione mariana della sua terra d’origine, trovo che non rappresenti gran parte di cittadinanza legata alla fede e dico semplicemente “non in mio nome”.

Sanremo, 7 marzo 2021.

+Antonio Suetta
Vescovo di Ventimiglia – San Remo

unnamed (45)

Fonte: https://www.diocesiventimiglia.it/comunicato-del-vescovo-antonio-suetta/

Iscriviti alla nostra newsletter!

Riceverai tutti gli aggiornamenti del nostro sito web, oltre alla possibilità di avere la nostra rivista “Templum Domini” in formato scaricabile e stampabile, e tanti altri contenuti esclusivi!

Leggi anche questi articoli

Ma Dio aveva altri progetti

9 febbraio 1824, all’età di 49 anni si spegneva in questa data una delle mistiche Serve di Dio più note d’Europa: Anna Caterina Emmerich. Proclamata beata da Papa Giovanni Paolo II nel 2004 dopo un lungo processo di beatificazione osteggiato numerose volte nel corso dei secoli.

È stato il maggiordomo?

[page_title]  Quando si pensa al maggiordomo, solitamente s’intende il capo della servitù, spesso ossequioso, quanto il maggiordomo spaziale D3BO di Guerre Stellari, ed ambiguo come nei

Chi non ha Fede non ha Legge

Così solevano dire gli anziani, ultimi echi di una serie ininterrotta di generazioni teocentriste, nella cui semplicità di vita inconsciamente ben sapevano che il proprio credo non determinava la sola dimensione personale.

error: Questo contenuto è protetto!