Search
Close this search box.

La talare, questa sconosciuta

Qualche osservazione sulla talare, sempre meno utilizzata, come a voler ricordare cose che dovrebbero essere ovvie.

di Stefano Ceniti

Da anni, precisamente da quando per fortuna (o a seconda dei casi sfortuna), navigo su Internet e soprattutto sui siti cattolici, mi capita di commentare fotografie di vescovi e sacerdoti sotto cui immancabilmente commento: «la talare, questa sconosciuta!» Il più delle volte gli interessati non rispondono,ma spesso altri internauti commentano con la solita frase demenziale: «l’abito non fa il monaco»; rispondo sempre con la solita frase: «non è buon soldato chi non ama la propria divisa».

Il mio grande e indimenticabile arcivescovo, il cardinale Giuseppe Siri, scrisse una lunga e accorata lettera al proprio clero genovese circa l’importanza assoluta della veste sacerdotale, limitando l’uso del clergyman e vietando assolutamente gli abiti civili. Uno dei drammi del nostro momento storico è la carenza di clero e il grande cardinale, già più di quaranta anni orsono ne indicava il principale motivo proprio nell’abbandono della sacra veste, la talare! Oggi i seminaristi, anche qui a Genova, vestono da giovani alla moda, nessuno può indossare la talare all’infuori delle celebrazioni liturgiche…risultato? Il seminario, immenso e splendido è vuoto: tredici sparuti alunni per sei classi!

I risultati dell’abbandono della talare sono evidenti: pochi preti, poche vocazioni, chiese deserte, disaffezione da parte del popolo al clero, secolarizzazione galoppante. Certo, non è soltanto la mancanza dell’abito talare il motivo della crisi epocale che stiamo vivendo ma certamente, come profetizzato dal grande cardinale, ne è uno dei principali. 

Laddove la veste sacra è adottata non solo nelle comunità tradizionali, ad esempio in molte Congregazioni dell’Oratorio, le vocazioni fioccano! È ovvio, perché un giovane che decide di lasciare tutto per Nostro Signore desidera radicalmente cambiare il proprio stato, a partire proprio dell’abito. 

L’abito ecclesiastico tra l’altro è apprezzato anche da chi non pratica, perché è segno di coerenza col proprio stato. Un altro argomento importante, ma sempre collegato al precedente, è l’uso della talare “a momenti”; ad esempio, su Facebook, si vedono alcuni preti che indossano la veste ma poi pubblicano foto in borghese o in abiti discinti. Anche in questo caso vi è un modo scorretto di presentarsi. Il sacerdote deve sempre mostrarsi in pubblico e sui social dignitosamente vestito, diciamo pure chiaramente: in talare!

La talare o l’abito religioso sono segni esterni di particolare consacrazione, se portati abitualmente e ovunque proteggono da mille situazioni scabrose, sono un segno profetico per credenti e non credenti; infine rendono chi li indossa immediatamente riconoscibile, ovunque. 

Purtroppo il momento storico che stiamo vivendo in occidente è drammatico, ma sicuramente la rinascita ripartirà dalla Tradizione e dalla umile e nobile talare!

Tag

TEMPLUM DOMINI

Leggi la nostra rivista telematica
Templum Domini

CANALE WHATSAPP

Iscriviti al nostro canale Whatsapp
per contenuti esclusivi

LEGGI ANCHE ...

Quando papa Giovanni XXII, nel corso del Concilio Ecumenico, inserì la menzione di san Giuseppe nell’antichissimo Canone Romano, esprimeva certamente
Qual bontà, miei fratelli, e qual tenerezza da parte di Dio! Non contento d’averci dato il suo Figliuolo unigenito, l’unico
San Giovanni Bosco fu un autentico uomo di Dio. Infiammato di vera carità cristiana si adoperò instancabilmente per la salvezza
L’inculturazione, liturgica e non solo, è una delle questioni di più stretta attualità. Ostentata come bene supremo, presenta però notevoli

TEMPLUM DOMINI

Leggi la nostra rivista telematica
Templum Domini

CANALE WHATSAPP

Iscriviti al nostro canale Whatsapp per contenuti esclusivi

error: Questo contenuto è protetto!