Search
Close this search box.

Gesù figlio dell’uomo

Il Vangelo registra questa espressione sulle labbra di Gesù circa 50 volte. Perché questo nome?

Spesse volte, nella S. Scrittura, ritroviamo l’autodesignazione di Gesù quale figlio dell’uomo. Questa espressione rivela la coscienza messianica che Cristo ha di sé. Questa proviene dal settimo capitolo del libro di Daniele. Nella visione, il profeta, dopo la scomparsa delle dittature, simboleggiate da degli animali, vede sorgere un nuovo regno. Egli vede apparire con le nubi del cielo dinanzi al trono del vegliardo una figura di figlio dell’uomo, in contrapposizione alle figure animali, che simboleggiano i regni che scompaiono. Nel figlio dell’uomo non si dovrà quindi vedere una figura individuale, ma il « popolo dei santi dell’Altissimo », che è simboleggiato dal figlio dell’uomo. Nel giudaismo del periodo precristiano il figlio dell’uomo della visione di Daniele venne però inteso sovente come una persona individuale. Questo è essenzialmente dovuto al fatto che il giudaismo attendeva la liberazione dalla schiavitù da un singolo individuo, che li avrebbe condotti al dominio mondiale, politico ed economico. Se Cristo applicò a se stesso il termine non familiare al popolo, fu mosso invece dall’intenzione di tenere lontane le aspettative messianiche che guardavano alla politica e al potere.

Gesù poi si chiama “figlio dell’uomo” perché voleva intendere in senso diretto il fatto di essere Figlio della Vergine Maria. In questa luce, quindi, rileggiamo l’affermazione di Gesù: “Il Figlio dell’uomo verrà nella gloria del Padre suo con i suoi angeli; poi darà a ciascuno secondo quello delle sue azioni” (Mt 16:27). Si fa riferimento quindi alla doppia natura, quella umana assunta, quella divina posseduta da Gesù. Dove c’è Gesù, c’è anche Maria, la corredentrice.

Tag

TEMPLUM DOMINI

Leggi la nostra rivista telematica
Templum Domini

CANALE WHATSAPP

Iscriviti al nostro canale Whatsapp
per contenuti esclusivi

LEGGI ANCHE ...

Si tratta non di una preghiera ufficiale della Chiesa, bensì di un pio esercizio molto amato dai fedeli, che consiste
In questo tempo di santa Quaresima, riflettiamo sull’importanza dell’amore per la sofferenza e la croce.
“Penitenza, penitenza, penitenza” fu l’accorato appello della Madonna a Lourdes. Esso risuona più che mai oggi, in questo nostro tempo
La Santa Chiesa celebra oggi la solennità della moltitudine dei santi, noti e sconosciuti, l’umanità redenta in Cristo morto e

TEMPLUM DOMINI

Leggi la nostra rivista telematica
Templum Domini

CANALE WHATSAPP

Iscriviti al nostro canale Whatsapp per contenuti esclusivi

error: Questo contenuto è protetto!