Paternità verginale

Paternità verginale

San Giuseppe fu vero Sposo di Maria, ma non fu padre naturale di Gesù. Si chiarisce il concetto di «paternità», per evitare equivoci e per comprendere la singolarità della Paternità del Santo Patriarca.
San Giuseppe fu vero Sposo di Maria, ma non fu padre naturale di Gesù. Si chiarisce il concetto di «paternità», per evitare equivoci e per comprendere la singolarità della Paternità del Santo Patriarca.

[page_title] 

San Giuseppe fu vero Sposo di Maria, ma non fu padre naturale di Gesù. Si chiarisce il concetto di «paternità», per evitare equivoci e per comprendere la singolarità della Paternità del Santo Patriarca.

Paternità verginale

San Giuseppe fu vero Sposo di Maria, ma non fu padre naturale di Gesù. Si chiarisce il concetto di «paternità», per evitare equivoci e per comprendere la singolarità della Paternità del Santo Patriarca. E’ un fatto che il Vangelo chiama San Giuseppe Padre di Gesù. Dice San Luca, descrivendo la presentazione di Gesù Bambino al Tempio: il Padre e la Madre di Gesù restavano meravigliati di quanto si diceva di Lui. (S. Luca II – 33).

Anche la Madonna, quando ritrovò Gesù nel Tempio, disse: Ecco, tuo Padre ed io addolorati ti abbiamo cercato! (S. Luca II – 48).

Gesù chiamava San Giuseppe col dolce nome di «Padre», tuttavia la Paternità di San Giuseppe non fu naturale, cioè ordinaria come per gli altri uomini, ma fu paternità di ordine giuridico.

Esisteva infatti il vincolo matrimoniale tra San Giuseppe e la Madonna; nella Sacra Famiglia c’era un Figlio; davanti alle autorità ed al popolo quel Figlio doveva apparire quale Figlio del Fabbro di Nazareth. Difatti, quando Gesù operava miracoli ed istruiva il popolo, si diceva: Non è costui il Figlio del Fabbro? E donde gli viene questa sapienza? (S. Matteo XIII – 54).

San Giuseppe esercitava verso Gesù i diritti ed i doveri della paternità. Fu lui che alla nascita ne presentò il nome ai pubblici registri; fu lui che lo nutrì, procurandogli il pane quotidiano nell’infanzia e fu lui che lo avviò ad un mestiere. Lo accompagnava anche nei pubblici atti.

Giuridicamente dunque appariva il Padre di Gesù, senza esserlo. Difatti San Luca dice: Era ritenuto Figlio di Giuseppe (S. Luca III – 23).

Se San Giuseppe non fu vero Padre, con quale parola può esprimersi la sua eccezionale paternità?

Taluni lo chiamano «Padre Nutrizio», ma questa parola dice poco. Comunemente è detto «Padre Putativo», ma il titolo più adatto, il più significativo, è «Padre verginale», poiché San Giuseppe visse con la Madonna in matrimonio vergineo. Il caso della paternità del Santo Patriarca è del tutto singolare e non c’è nel linguaggio umano una parola più appropriata.

In San Giuseppe dunque si ha la dignità di Vergine e l’onore della dignità di Padre del Redentore.

Ordinariamente si ammira la gloria di San Giuseppe, perché fu Sposo di Maria Vergine, ma la gloria maggiore consiste nella sua paternità verginale.

San Giuseppe ebbe verso Gesù veri sentimenti paterni, superiori a quelli dei padri naturali, perchè l’Eterno Padre, scegliendolo quasi a Vicario della sua Divina Paternità sulla terra, gli diede una scintilla dell’infinito amore che porta Egli stesso al suo Eterno Figlio.

Iscriviti alla nostra newsletter!

Riceverai tutti gli aggiornamenti del nostro sito web, oltre alla possibilità di avere la nostra rivista “Templum Domini” in formato scaricabile e stampabile, e tanti altri contenuti esclusivi!

Leggi anche questi articoli

Aut Deo aut contra

Il giorno della resa dei conti è arrivato. Con il Motu Proprio Traditionis Custodes, pubblicato venerdì, papa Francesco demolisce la già minacciata Messa Tridentina.

Per i martiri cristiani non esiste una giornata della memoria

La cattiva coscienza dell’Occidente, che si occupa dei diritti di tutti, anche di quelli più lunari, si dimentica che la persecuzione più sanguinaria è quella che investe i cristiani. Sono oltre 360 milioni nel mondo i cristiani perseguitati e discriminati a causa della loro fede. È quanto documentato nel rapporto annuale di Open Doors.

error: Questo contenuto è protetto!