Search
Close this search box.

Quando visiti un prete, ricordati…

Prendetevi cura dei vostri sacerdoti, ricordatevi di quelli che vi hanno battezzati, cresimati, sposati e consacrati. Quelli che offrono messe per le tue intenzioni e pregano per te.

Che un prete non è sposato, né avrà una famiglia propria. Niente moglie, niente figli. La sua famiglia sono i suoi parrocchiani. È un padre spirituale nella fede della comunità che serve. Il suo futuro è celebrare l’Eucaristia nella messa tutti i giorni, ascoltare confessioni, ungere i malati, servire coloro che si rivolgono a lui in cerca di aiuto. Un sacerdote può servire in una parrocchia solo per un minimo di 5-7 anni. Dopodiché, può essere trasferito in un’altra parrocchia o assegnato a un ruolo diverso nella Chiesa. Si appoggia alla sua squadra di volontari, personale e fedeli laici. Non aspettarti che lui sia sempre lì per te.

Quando dai soldi alla Chiesa, ti sorprenderà sapere che i soldi non sono per lui perché nessun prete guadagna uno stipendio fisso. Ricevono uno stipendio per coprire le spese di base di cibo, abbigliamento e viaggio. Risparmiano ogni centesimo per andare in vacanza e gran parte dei soldi sono regalati da amici, parenti e simpatizzanti perché non ricevono la licenza pagata come tutti gli altri che lavoriamo.
Mentre lavoriamo per un numero fisso di ore con due giorni liberi alla settimana, i sacerdoti dovrebbero essere disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Quindi non arrabbiarti se non ti risponde quando ne hai bisogno. Anche loro sono umani con la nostra stessa fragilità.

Se senti qualcuno parlare male di un prete in particolare, correggi questa persona e non partecipare a gossip senza conoscere i fatti. Ricorda che sono soli e a volte avranno bisogno di compagnia. Attenzione ai suoi bisogni emotivi, fisici e mentali. Accompagnali se necessario o offri loro una mano amica o anche un passaggio. Non è facile uscire da soli alle 2 o 3 del mattino specialmente nei quartieri pericolosi per consigliare o addirittura ungere qualcuno sul letto di morte. Se qualcuno si rivolge a loro a quest’ora per chiedere aiuto, devono alzarsi dal sonno profondo e si aspetta ancora che celebrino la Messa al mattino. Chi c’è per loro quando sono malati o hanno emergenze nel cuore della notte? Tuttavia, sono obbligati a compiere i loro doveri, perché se non loro, chi?

Ricorda i suoi compleanni, gli anniversari di ordinazione e gli eventi importanti della tua vita. Festeggia con loro, piangi con loro. Offri una spalla su cui appoggiarsi. Se cadono, non giudicare o criticare. Alzali e aiutali nel loro viaggio nella vita. Senza offesa se non sono all’altezza delle tue aspettative. Nessun prete è perfetto.

Prendetevi cura dei vostri sacerdoti, ricordatevi di quelli che vi hanno battezzati, cresimati, sposati e consacrati. Quelli che offrono messe per le tue intenzioni e pregano per te. Che Dio benedica i nostri sacerdoti nel nome di Gesù, nostro eterno Sommo Sacerdote.

Tag

TEMPLUM DOMINI

Leggi la nostra rivista telematica
Templum Domini

CANALE WHATSAPP

Iscriviti al nostro canale Whatsapp
per contenuti esclusivi

LEGGI ANCHE ...

Oggi la Santa Chiesa fa memoria dei Santi Innocenti martiri. Ecclesia Dei in collaborazione con Don Riccardo Pecchia.
Un giorno, Nostro Signore, passava per Gerusalemme, non lontano da una casa di cui ancora oggi si vedono le fondamenta,

TEMPLUM DOMINI

Leggi la nostra rivista telematica
Templum Domini

CANALE WHATSAPP

Iscriviti al nostro canale Whatsapp per contenuti esclusivi

error: Questo contenuto è protetto!