“Ci dedicheremo alla preghiera e al servizio della Parola”

“Ci dedicheremo alla preghiera e al servizio della Parola”

di Alex Vescino

Non è giusto che noi lasciamo da parte la parola di Dio per servire alle mense.

At 6,1-7

Nella liturgia di questa domenica V di Pasqua troviamo un brano degli Atti degli Apostoli che in maniera chiara ed evidente denota il compito del sacerdozio e del successore degli Apostoli. Compito della gerarchia ecclesiastica è la preghiera e l’annuncio della Parola; compito delle comunità è partecipare alla Eucarestia e viverla nel quotidiano.

In quei giorni, aumentando il numero dei discepoli, quelli di lingua greca mormorarono contro quelli di lingua ebraica perché, nell’assistenza quotidiana, venivano trascurate le loro vedove. Allora i Dodici convocarono il gruppo dei discepoli e dissero: «Non è giusto che noi lasciamo da parte la parola di Dio per servire alle mense. Dunque, fratelli, cercate fra voi sette uomini di buona reputazione, pieni di Spirito e di sapienza, ai quali affideremo questo incarico. Noi, invece, ci dedicheremo alla preghiera e al servizio della Parola». Piacque questa proposta a tutto il gruppo e scelsero Stefano, uomo pieno di fede e di Spirito Santo, Filippo, Pròcoro, Nicànore, Timone, Parmenàs e Nicola, un prosèlito di Antiòchia. Li presentarono agli apostoli e, dopo aver pregato, imposero loro le mani. E la parola di Dio si diffondeva e il numero dei discepoli a Gerusalemme si moltiplicava grandemente; anche una grande moltitudine di sacerdoti aderiva alla fede.

Secondo il modo di pensare odierno quello che dicono i Dodici Apostoli è di scandalo. Vediamo molto spesso sacerdoti impegnati in campo sociale ma poco attenti alle esigenze spirituali della chiesa, chiesa intesa come comunità dei battezzati. Ancor più i vescovi, i successori di quei stessi apostoli che dicono: «Non è giusto che noi lasciamo da parte la parola di Dio per servire alle mense». Per gli apostoli il coraggio del discernimento consiste nel tenersi fermi attorno all’annuncio pasquale: non per esigenza di propaganda, ma perché questo è ciò che ha chiesto il Risorto.
Si tratta della motivazione primaria, che non squalifica l’azione caritativa. Il bisogno materiale è infatti una molla potente, ma anche qualcosa che rende schiavi: anche Israele nel deserto rischia di perdere l’amicizia con Dio proprio sull’onda emotiva del bisogno materiale (acqua, cibo, scomodità).
Agire unicamente in base al bisogno, in base all’emergenza, significa avviarsi a ricadere nella schiavitù.

Le priorità sono chiare: prima di tutto viene la Parola di Dio, la fede in Dio per Cristo, la preghiera. Santa Madre Teresa di Calcutta ci da il suo esempio e la sua testimonianza come modello di vita cristiana: davanti all’Eucarestia chiedeva a Dio la forza di aiutare i sofferenti e gli ammalati. E’ solo attraverso l’Eucarestia che possiamo agire come cristiani nel mondo.

Tuttavia oggi ci viene detto che pregare non serve a nulla. Ci viene insegnato che sono i gesti concreti a fare la differenza, che con le opere si concorre al bene del mondo. La Parola di Dio è chiara: la nostra priorità è Dio, perché solo nella preghiera compiamo un servizio reale e concreto verso gli ultimi.

E’ dunque compito del sacerdote e del vescovo pregare e annunziare la Parola di Dio. Le comunità, che sono fruitori della preghiera, hanno il compito di operare nella società e lo fanno con la forza dell’Eucarestia. L’attività sociale è fruttuosa solo se lo spirito è ricco dell’amore di Dio. Solo così possiamo agire nel mondo.

Ecclesia Dei

Iscriviti alla nostra newsletter!

Riceverai tutti gli aggiornamenti del nostro sito web, oltre alla possibilità di avere la nostra rivista “Templum Domini” in formato scaricabile e stampabile, e tanti altri contenuti esclusivi!

Leggi anche questi articoli

Missa sine populo

Cosa ci è rimasto? Ci hanno privato anche della Santa Messa, ma non sanno che ci è rimasta la preghiera.

Desiderio desideravi

Nella solennità odierna dei santi apostoli Pietro e Paolo papa Francesco ha pubblicato una nuova lettera sul tema liturgico. Ovviamente contro la messa tradizionale.

Chi canta prega due volte

Quante volte ci è capitato di entrare in chiesa e prendere parte ad una celebrazione eucaristica cantata? E per cantata non intendo la presenza di un coro, di un organo o di altri strumenti, ma solo le voci di qualche signore che intonano insieme i canti.

error: Questo contenuto è protetto!