La porta stretta

Gesù annuncia il Regno di Dio e ci mette in guardia, ci ammonisce, ci esorta a fare attenzione perché il Paradiso non è garantito a chiunque, ma è frutto di una vita condotta santamente; una vita al servizio di Dio e del prossimo, basata sull’ascolto e sulla messa in pratica del Vangelo.

“Entrate per la porta stretta; poiché spaziosa è la porta e larga la via che conduce alla perdizione; e molti sono quelli che vi si incamminano. Quanto stretta è la porta e angusta è la via che conduce alla vita! E pochi sono quelli che la trovano!”

(Mt 7; 13-14)

Risulta più attuale che mai questo passo del Vangelo di Matteo, facente parte del “Discorso della montagna”.

Gesù annuncia il Regno di Dio e ci mette in guardia, ci ammonisce, ci esorta a fare attenzione perché il Paradiso non è garantito a chiunque, ma è frutto di una vita condotta santamente; una vita al servizio di Dio e del prossimo, basata sull’ascolto e sulla messa in pratica del Vangelo. Ci dice chiaramente che una fede facilitata, una fede basata su uno scendere a compromessi, non è fede.

Il Paradiso va guadagnato, bisogna lavorare duro, abbandonare quei vizi che corrodono il mondo di oggi. Ma nei fatti sono poche le persone che ci riescono davvero: sono poche le persone che davvero vivono la fede ponendola al centro della propria vita quotidiana, mettendo Cristo al primo posto.

Non è facile oggi, in un mondo che va diventando sempre più scristianizzato; in un mondo che non conosce più Cristo e il suo Vangelo di salvezza; in un mondo che nomina Cristo e la Trinità solamente per ricoprirli degli insulti più spregevoli, ingrati verso chi ha dato la vita per la nostra salvezza.

E quando Lui ci chiede dei piccoli sacrifici, l’uomo cosa fa? Cerca ogni mezzo possibile per scansare la fatica ed ecco che gli si para dinanzi una strada spianata, senza intralci e con una bellissima porta dalla quale si può facilmente passare, ma che non porta alla salvezza.

La porta stretta

Ma la porta piccola e la strada angusta rimangono lì, ad aspettare, consce del fatto che l’uomo, ormai sazio per i vizi e i peccati che la società di oggi predica come salutari (ma sempre e solo per il corpo), è troppo grosso per potervici entrare.

Bisogna farsi piccoli, semplici, umili.

È necessario rimuovere tutto il superfluo, tutti quei comportamenti e quegli atteggiamenti che ci allontanano dal Cielo, tutti quei peccati che senza sosta continuiamo a commettere, perché è “è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago” (Mt 10; 25).

Bisogna imitare Cristo in tutto e per tutto, scendere dal piedistallo sul quale spesso siamo tentati di stare e farci ultimi per essere i primi, servire per regnare.

E andare a Messa la domenica, ricevere la SS. Eucarestia, senza mettere in pratica quello che si ascolta e si apprende dalla Parola, a cosa serve se poi non ci facciamo noi pane per gli altri?

Quando troveremo chiusa la porta e chiederemo al Signore di aprirci, Lui giustamente ci dirà:“Non vi conosco”.

Perché? Perché abbiamo mangiato alla sua mensa, abbiamo ascoltato la sua Parola, ma non siamo stati capaci di portare frutto.

E allora, forse, ci renderemo conto che non basta essere credenti, ma bisogna essere soprattutto credenti credibili (perdonate il gioco di parole); bisogna dare testimonianza di una vita santa che non rimane in Chiesa dopo la Messa della domenica, ma che prosegue nel quotidiano e che non si arresta mai.

Solo allora la porta minuscola diventerà un enorme portone attraverso il quale, senza alcuna difficoltà, entreremo nella beatitudine del Cielo.

Iscriviti al nostro canale Whatsapp per contenuti esclusivi

Altri articoli che potrebbero interessarti

Iscriviti al nostro canale Whatsapp per contenuti esclusivi

error: Questo contenuto è protetto!