ATTUALITÀ

Intervento di Mons. Suetta sul Ddl Zan

Il vescovo di Ventimiglia-Sanremo spiega le ragioni
della decisione del Vaticano di invocare il Concordato



 

A cura di Ecclesia Dei  |  23 Giugno 2021  |  Tempo di lettura: 1 minuto

 

ATTUALITÀ

Intervento di Mons. Suetta sul Ddl Zan

Il vescovo di Ventimiglia-Sanremo spiega le ragioni della decisione del Vaticano di invocare il Concordato.

A cura di Ecclesia Dei
23 Giugno 2021
Tempo di lettura: 1 minuto

 

"La dottrina del gender (l'inesistenza di differenza tra i sessi biologici, da ciò discendendo la possibilità di variare il proprio sesso a piacimento, n.d.r.) non è in sintonia con la morale cattolica. E il Ddl Zan, così come è concepito, impedisce alla Chiesa cattolica di esercitare la propria missione educativa".

Lo ha detto ad Oltre Tutto, il programma di approfondimento ed inchiesta di Primocanale, monsignor Antonio Suetta, Vescovo di Ventimiglia-Sanremo. "Il disegno di legge - ha proseguito - non individua un reato preciso che si concretizza in un'azione ma individua un reato nel momento in cui questo si genera a partire da un'opinione. Ecco perché la Santa Sede ha richiamato il Concordato, che è un patto bilaterale tra lo Stato Italiano ed il Vaticano".

Monsignor Suetta ha inteso che far capire che il tema dentrale, per la Chiesa cattolica, è quello della trascendenza: "Il Papa dice che i cattolici non devono usare la dottrina come pietre da scagliare contro degli ipotetici avversari, perché anche le parole possono ferire e fare male. La Chiesa non vuole fare questo.Ma quando io dico ad una persona che la sua condotta, secondo la nostra dottrina, è una condotta peccaminosa, il senso del mio intervento non è istigare all'odio contro quella persona o emarginarla ma il senso del mio intervento è preservarla per la salvezza eterna che per la chiesa è un argomento fondamentale, anzi è il primo argomento. Poi è chiaro che chi non crede dice a me questo argomento non interessa e va benissimo, nessuno verrà ad imporre correttivi al comportamento altrui ma che la chiesa al suo interno, nei suoi luoghi istituzionali, come la chiesa stessa e il catechismo, può e deve dire questo, fa parte della sua missione.".

Fonte: www.primocanale.it
 
error: Questo contenuto è protetto!